Home Politica Montagnareale – Democrazia Partecipata in sagre o manutenzione stradale e parco giochi?

Montagnareale – Democrazia Partecipata in sagre o manutenzione stradale e parco giochi?

1,324

Festa della Ciliegia 2013 MontagnarealeRiceviamo e pubblichiamo la nota del Comitato “Exponiamo”

Ci corre obbligo ricordare che il comma 1 dell’art.6 – Capo III “Disposizioni in Materia di Enti Locali” della legge regionale n.5 del 28 gennaio 2014, recita: “In attuazione delle prerogative statutarie in materia finanziaria è istituita a decorrere dal 2014, in favore dei comuni, una compartecipazione al gettito regionale dell’Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF).

Le risorse da assegnare ai comuni sono calcolate in ciascun anno applicando un’aliquota di compartecipazione al gettito dell’imposta sui redditi già IRPEF effettivamente riscossa in Sicilia nell’ultimo anno precedente all’esercizio di riferimento.

L’aliquota di compartecipazione per il triennio 2014-2016 è pari al rapporto tra 350.000 migliaia di euro e l’ammontare dell’IRPEF riscossa nel 2013. Il gettito così determinato è ripartito tra i singoli comuni in proporzione alla base imponibile IRPEF valida ai fini del calcolo dell’addizionale comunale all’IRPEF. Ai comuni è fatto obbligo di spendere almeno il 2 per cento delle somme loro trasferite con forme di democrazia partecipata, utilizzando strumenti che coinvolgano la cittadinanza per la scelta di azioni di interesse comune, a Montagnareale invece no, decide l’Amministrazione.

Giorno 03.12.2015 è stato indetto un incontro pubblico per discutere come spendere le somme derivanti dal gettito Irpef ed alla presenza di pochi, l’Amministrazione illustra le proprie idee. Gli unici presenti erano i rappresentanti del Comitato Exponiamo (totale assenza dei componenti dell’Opposizione o suoi delegati).

Durante l’incontro (come verbale allegato), il Comitato Exponiamo nella persona del sig. Nunzio Alioto si dichiara contrario alla spesa delle somme per le sagre e feste, nello specifico Festa della Ciliegia, Sagra della Castagna, Natali di ‘na vota, Festa degli Anziani, in quanto pur condividendo l’aspetto sociale e culturale delle manifestazioni, si intende spendere questi soldi per la manutenzione stradale e sistemazione dell’arredo urbano e parco giochi.

L’Amministrazione, così come dimostra la Delibera di Giunta Municipale n. 132 del 14.12.2015, fregandosene apertamente di quanto scaturito dal suddetto incontro, delibera di spendere le somme come aveva preventivato in precedenza.

Il Comitato si chiede il perché allora indire un incontro se la volontà dell’Amministrazione tutta era già chiara da prima, ossia spartirsi la torta come effettivamente illustrato.

Già il 24.01.2015, la cittadinanza è stata presa in giro con un incontro svoltosi solo sulla carta (come dimostra interrogazione del gruppo di Opposizione ma che a nostro avviso latente in quanto non chiedono sollecito di un nuovo incontro ma chiedono solo spiegazioni). Gettito Irpef per l’anno 2014 di cui non si conosce la spesa nonostante il Comitato Exponiamo chiede conto dai mesi estivi.

Siamo sicuri che a Montagnareale, al democrazia partecipata, viene applicata come per legge?

Durante le campagne elettorali siamo stati bravi a contattare la cittadinanza per raccogliere anche un solo voto utile per l’elezione. Si fanno promesse e si srotolano slogan di libertà, uguaglianza e democrazia. Si fanno promesse di maggiore partecipazione, ma dopo quando la tornata si chiude, si dimentica dell’impegno preso con chi ci ha eletto. Così come gli eletti sono bravi a trovare i cittadini e ad avvicinarli nelle competizioni elettorali, così gli eletti devono fare quando c’è un argomento di questa portata.

In questo contesto, i cittadini non hanno più occasioni né strumenti per incidere sulle scelte politiche, per avanzare le proprie istanze, per esercitare i propri diritti democratici. La partecipazione politica, in sostanza, si riduce al voto. Poi non c’è quasi nulla, non ci sono vere occasioni di partecipazione, non ci sono strumenti per esercitare la sovranità. La politica rappresentativa, insomma, è in crisi. La democrazia basata sulla delega è in crisi.

Purtroppo quanto successo a Montagnareale è la prova lampante e questo viene detto con molto rammarico.

Sinceramente ci meravigliamo del silenzio dell’attuale forza politica dell’Opposizione. Un gruppo di opposizione che si è sempre dichiarata contro le sagre e festini vari anche attraverso comunicati, video e manifesti appesi per tutta la città.

Sinceramente ci sentiamo non poco offesi dall’Amministrazione nonostante le numerose opportunità di confronto e dialogo. Questa Amministrazione tutta si ricorda dei cittadini solo ad ogni tornata elettorale e sa come riuscire a raggiungere la cittadinanza.

“Le proposte fatte da noi in sede, sono proposte che arrivano dalla cittadinanza. Prima dell’incontro presso l’Aula Consiliare, abbiamo optato che fosse necessario sentire l’idea della cittadinanza e specialmente dei giovani. Anche tramite l’ausilio dei social network abbiamo contattato numerosi cittadini che ci hanno esposto la loro idea di come impiegare le somme. Penso che questo sia il metodo più democratico possibile di come decidere di impiegare le somme e che questo era il metodo che doveva imporsi l’Amministrazione per far partecipare tutti. Una cosa che salta all’occhio e che è stata l’Amministrazione a farsi portatore di idee quando la legge è stata fatta proprio per dare voce ai cittadini. Purtroppo all’incontro del 03.12.2015 ho constatato all’assenza del gruppo di opposizione. Questa assenza ha fatto si che mancasse un importante momento di confronto su come spendere le somme per la collettività.

Il comitato è nato da quasi 9 mesi ed abbiamo presentato qualche proposte all’Amministrazione – compreso il gruppo di Opposizione – ma da nessuno abbiamo mai ricevuto un’apertura per discutere i reali problemi del paese.

Ovviamente non abbiamo la presunzione di pensare che le nostre proposte risolvono i problemi di un’intera collettività ma iniziative come Orti Sociali, Baratto Amministrativo, Case ad un Euro, Albo delle Associazioni e della Consulta ed il praticantato per i geometri (forse finalmente dopo mesi si muove qualcosa) siamo certi che meritavano quantomeno una discussione. Invece non abbiamo neanche ricevuto risposta. Abbiamo chiesto anche la diretta streaming del Consiglio Comunale, così da informare tutti i cittadini di cosa succede all’interno del Consiglio. Diretta, secondo noi, necessaria visto che molti cittadini non sono abituati a frequentare il civico consenso anche per problemi personali. Neanche in questo caso abbiamo ricevuto risposta.

Nonostante ciò, cercheremo di dare sempre il nostro contributo anche se chi Amministra pur professandosi per un confronto ed aperto alle iniziative, finora non ha preso in esame nessuna proposta anzi snobba qualunque iniziativa.

Il Comitato Exponiamo, consultando il sito internet soldi pubblici.gov.it, si è reso conto che il Comune di Montagnareale ha una spesa di € 48.437,00 per sentenze sfavorevoli. Vedendo questo importo abbastanza alto, ha proposto se non sia il caso di valutare l’istituzione di una commissione di legali allo scopo di evitare di andare incontro a cause legali che già appaiono perse in partenza con aggravio di spese processuali e legali sui cittadini.

Il Comitato Exponiamo, sempre vigile sui problemi economici del paese, sta passando a setaccio i bilanci comunali al fine di presentare delle proposte che abbassino i costi dell’Ente stesso, portando dei benefici ai cittadini.

Comitato Exponiamo

Montagnareale – Democrazia Partecipata in sagre o manutenzione stradale e parco giochi? ultima modifica: 2015-12-22T17:51:39+01:00 da CanaleSicilia