Home Politica Messina, piano di riequilibrio – «Lavorare ad una proposta credibile per evitare il default»

Messina, piano di riequilibrio – «Lavorare ad una proposta credibile per evitare il default»

1,136

Bruno Mancuso“Ho accolto l’invito del sindaco Accorinti a partecipare all’incontro sul piano di riequilibrio economico e finanziario del comune di Messina perché rientra in una fase di concertazione avviata dal Governo nazionale e seguita dal Ministero degli Interni con i rappresentanti degli enti locali che stanno attraversando momenti di criticità finanziaria. Una concertazione che va seguita con grande senso di responsabilità istituzionale, e che non necessita di protagonismi fuori luogo di fughe in avanti, ma della ricerca della più ampia sinergia possibile politica ed istituzionale”.

E’ il commento del Senatore Bruno Mancuso, che sottolinea il proprio compiacimento per l’apertura del tavolo tecnico istituzionale.

“Mi fa piacere che il sindaco Accorinti riconosca il ruolo delle rappresentanze istituzionali e parlamentari – afferma Mancuso – ricordando di essere il sindaco di tutta la comunità messinese e non solo di alcuni suoi sostenitori fondamentalisti ed antisistema.

Per quanto riguarda il piano di riequilibrio ed il piano di rientro è necessario individuare anche meccanismi più congrui che mirino ad altri possibili interventi statali anche per i mutui accesi ad enti locali che si trovano in una fase di pre-dissesto, così come si sta pensando di fare con il decreto salva regioni.

Mi auguro che – conclude il Senatore Mancuso – con il supporto della deputazione nazionale presso il governo, il lavoro tecnico portato avanti dall’assessore Signorino e dall’assessore Eller possa condurre ad una proposta credibile per evitare il default, che avrebbe conseguenze pesantissime non per questa od altra amministrazione, ma per tutti i cittadini messinesi”.

Roma 31 Ottobre 2016

Ufficio Stampa
Sen. Bruno Mancuso

Messina, piano di riequilibrio – «Lavorare ad una proposta credibile per evitare il default» ultima modifica: 2016-10-31T13:47:12+01:00 da CanaleSicilia