Home Politica Maltempo – Catanzaro: “Riconoscere stato calamità per aree colpite”

Maltempo – Catanzaro: “Riconoscere stato calamità per aree colpite”

267

Maltempo Catanzaro Foti“È necessario riconoscere lo stato di calamità naturale per le aree colpite dal maltempo di questi giorni, in particolare quelle tra le province di Agrigento, Palermo e Trapani. Bisogna attivare misure di sostegno per le attività commerciali, agricole ed imprenditoriali che hanno subito pesanti conseguenze”. Lo dice Michele Catanzaro, parlamentare regionale del PD e vicepresidente della commissione Attività produttive all’Ars, che ha presentato una mozione che impegna il governo regionale a riconoscere lo stato di calamità naturale per i territori colpiti dal maltempo fra il 31 ottobre ed il 2 novembre; sospendere il pagamento dei canoni irrigui ed i termini per l’adempimento di oneri connessi all’adesione a misure comunitarie per le aziende agricole colpite dagli eventi calamitosi; assumere ogni provvedimento necessario al ripristino delle infrastrutture viarie, irrigue e di rete distrutte o danneggiate a causa del maltempo.

Questa mattina Catanzaro ha fatto un sopralluogo in alcuni dei luoghi più colpiti a Sciacca (vedi foto allegata) insieme con il Dirigente generale della Protezione Civile regionale Calogero Foti ed il sindaco di Sciacca Francesca Valenti.

“Molti problemi alle attività commerciali ed agricole sono infatti dovuti all’impossibilità di percorrere strade e collegamenti viari – aggiunge Catanzaro – e alcuni territori come quelli di Sciacca, Menfi, Sambuca, Ribera, Caltabellotta e Santa Margherita Belice sono stati doppiamente danneggiati perché stanno ancora facendo i conti con i danni dell’alluvione del 25 novembre 2016. Servono risposte concrete – conclude il parlamentare PD – a sostegno del settore produttive e per la salvaguardia del territorio e delle infrastrutture”.

La mozione è stata firmata anche dagli altri parlamentari del gruppo PD all’Ars.

Maltempo – Catanzaro: “Riconoscere stato calamità per aree colpite” ultima modifica: 2018-11-02T14:53:45+01:00 da CanaleSicilia