Home Politica Lavoratori ASU – La nota del sindaco di Ficarra all’Assessorato regionale

Lavoratori ASU – La nota del sindaco di Ficarra all’Assessorato regionale

567

Basilio Ridolfo - Sindaco di Ficarradi Maria Cristina Miragliotta – Il sindaco di Ficarra, Basilio Ridolfo, scrive all’Assessorato Regionale del lavoro, dell’impiego, dell’orientamento, dei servizi e delle attività formative manifestando la sua forte preoccupazione per le condizioni in cui versano i lavoratori ASU che, da mesi, non percepiscono il sussidio spettante erogato dall’INPS.

Il sollecito affinchè venga pagato il sussidio, che il sindaco di Ficarra rivolge all’Assessorato, nasce dalla consapevolezza che, in molti casi, si tratta di lavoratori monoreddito con familiari a carico. Ridolfo invita l’Assessorato affinchè assuma le necessarie determinazioni per accelerare le procedure per il pagamento delle somme spettanti ai lavoratori ASU.

 

La nota inviata all’Assessorato Regionale del lavoro

 

Comune di Ficarra

COMUNE DI FICARRA

 

Al Dirigente Generale Dott.ssa Anna Rosa Corsello
Assessorato Regionale del lavoro, dell’impiego,
dell’orientamento, dei servizi e delle attività formative

PALERMO

 

Oggetto: Problematiche lavoratori ASU – sollecito pagamento sussidio.

 

Gent.ma Dott.ssa Corsello,

nella qualità di Sindaco, ovvero di rappresentante dell’Istituzione più vicina ai bisogni della collettività, desidero manifestarle la forte preoccupazione dei lavoratori utilizzati in Attività Socialmente Utili in forza della ex Circolare 331/99 e del D. Lgs. 280/97, dovuta alla mancata corresponsione del sussidio erogato dall’INPS.

Dopo numerose sollecitazioni, atto, gli Uffici dell’INPS stanno procedendo alla corresponsione del sussidio riferito al solo mese di aprile 2014, rimanendo ancora da corrispondere ben tre mensilità.

Nonostante ciò, ed in assenza di certezze sul proprio futuro occupazionale, questi lavoratori – dimostrando una grande dignità – continuano a prestare la loro attività, assicurando servizi anche essenziali.

Ad oggi, infatti, malgrado l’inserimento nella graduatoria unica regionale di cui alla L. R. 5/2014, uno sbocco occupazionale stabile per questi lavoratori non è stato previsto, restando in una situazione di precarietà ancora più pesante rispetto al bacino dei cosiddetti lavoratori precari titolari di contratto a tempo determinato.

Come risulta dal monitoraggio effettuato dall’Assessorato Regionale al Lavoro, dei circa 5.800 lavoratori ASU Siciliani che da oltre quindici anni prestano la loro attività presso gli enti pubblici o enti no profit della Regione Sicilia, nella Provincia di Messina, i soggetti interessati percettori di sussidio sono quasi 2.000, di cui circa 1.000 utilizzati direttamente da Enti (Comuni, Aziende Sanitarie, Consorzi) e i restanti da Parrocchie, Associazioni e Cooperative.

Pur avendo presente i vincoli della normativa nazionale e regionale vigente ad avviso dello scrivente è, tuttavia, necessario avviare, anche per questa categoria di lavoratori, iniziative legislative che possano permettere agli stessi di superare la condizione di precarietà in cui versano definendo percorsi orientati alla contrattualizzazione definitiva.

Per quanto sopra e nell’esclusivo interesse  dei  lavoratori, proprio  per  far  valere  il principio della  tutela indistinta dei lavoratori, rivolgo formale invito affinché codesto Spett.le Assessorato assuma le necessarie determinazioni per accelerare le procedure per il pagamento del sussidio spettante, rammentando alla SS che, in molti casi, si tratta di lavoratori monoreddito con familiari a carico.

Rimanendo in attesa di riscontro, l’occasione è gradita per porgere cordiali saluti.

Ficarra, lì 30/7/2014

IL SINDACO
Basilio Ridolfo

Lavoratori ASU – La nota del sindaco di Ficarra all’Assessorato regionale ultima modifica: 2014-07-30T11:29:08+02:00 da CanaleSicilia