Home Attualità “Il tuo sindaco ti dice quanto spende?” Rapporto sulla trasparenza delle spese della Pubblica Amministrazione

“Il tuo sindaco ti dice quanto spende?” Rapporto sulla trasparenza delle spese della Pubblica Amministrazione

595

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa di Agorà Digitale Roma

Roma, 8 febbraio 2012

L'era della traparenzaNord-est più virtuoso.
Donna e di centro sinistra: l’identikit dell’amministratore trasparente

ll tesoro di dati raccolto durante la Settimana della Trasparenza è stato passato al setaccio, scomposto e ricomposto dal team di data journalist di Agorà Digitale. Il risultato è un report ricco di  grafici, mappe ed infografiche. Diverse indicazioni importanti emergono sulle tendenze in materia di Open Data nella penisola.

Le amministrazioni del Nord-est sono le più trasparenti, specialmente se di centrosinistra e guidate da una donna. Sono queste alcune delle principali indicazioni che sono emerse da “Il tuo sindaco ti dice come spende i tuoi soldi?”, report sulla trasparenza della Pubblica Amministrazione italiana realizzato da Agorà Digitale con l’aiuto di oltre 700 cittadini. Il tesoro di dati analizzato è infatti frutto della Settimana della Trasparenza, mappatura di oltre mille Pa italiane realizzata tra il 21 e il 27 gennaio scorso.

Al “grido” di #SalviamoGliOpenData, il team di attivisti e di cittadini ha effettuato verifiche sulla sezione “Amministrazione aperta” sui siti ufficiali degli enti pubblici; l’articolo 18 del decreto sviluppo varato dal governo Monti, infatti, impone a tutte le Pa italiane di pubblicare in questo spazio tutti i dati sulle spese superiori ai mille euro effettuate da luglio 2012 . Un obbligo entrato in vigore il 1° gennaio scorso.

 Le valutazioni sul rispetto degli obblighi di trasparenza, espresse dai “cittadini controllori” in base a una scala definita di valori, sono quindi state tradotte in grafici, mappe ed infografiche disponibili in un documento in pdf e in versione interattiva sul sito www.eradellatrasparenza.it

Il quadro, stando alle rilevazione effettuate dai cittadini, sarebbe quello di una generalizzata mancanza di allineamento alle nuove norme. Ad esempio, nella media delle valutazioni ottenute dalle diverse Pa aggregandole a livello regionale, in una scala compresa tra 0 e 3 il valore più alto è il magro 1,31 registrato dagli enti del Friuli Venezia Giulia. Addirittura impossibile, alla luce delle verifiche effettuate sul campione analizzato, assegnare un valore alla facilità di visualizzazione dei dati in Trentino Alto Adige, Calabria e Molise.

Contestualmente, essendo vicine elezioni politiche e amministrative, è stato chiesto ad amministratori e candidati di sottoscrivere una breve e chiara lista di impegni per il rispetto delle norme sugli Open Data (anche la lista degli oltre quaranta firmatari, tra i quali i candidati premier Antonio Ingroia e Oscar Giannino, è disponibile sul sito www.eradellatrasparenza.it).

 La campagna, però, non finisce qui. Agorà, insieme a tantissimi cittadini, è ora impegnata a far pressione sul governo affinché non metta i bastoni tra le ruote alla trasparenza con iniziative legislative affrettate e dal sapore elettoralistico, sbandierandole peraltro come “Foia italiano”. Il passo successivo del portale  l’Era della Trasparenza, inoltre, sarà permettere a ogni cittadino di mettere letteralmente le mani sui soldi pubblici per elaborare progetti di spesa alternativi a quelli messi in cantiere dalle Pa.

 *Agorà Digitale e’ un’associazione No-Profit impegnata dal 2009 nella difesa del diritto del web e nel fornire alla cittadinanza strumenti di attivazione e partecipazione.

 L’organizzazione si è affermata nel panorama del diritto all’informazione e nella difesa degli strumenti digitali. La missione di Agorà Digitale è connettere strumenti, idee e cittadini per innovare democrazia, economia, cultura e informazione nell’era delle tecnologie digitali e della rete.

Agorà Digitale
Via Valsolda 177 – Roma

“Il tuo sindaco ti dice quanto spende?” Rapporto sulla trasparenza delle spese della Pubblica Amministrazione ultima modifica: 2013-02-08T15:17:41+01:00 da CanaleSicilia