Home Politica Il sindaco di Ficarra scrive al Prefetto «Un comune virtuoso come il nostro deve dichiarare ‘fallimento’ per responsabilità della Regione siciliana»

Il sindaco di Ficarra scrive al Prefetto «Un comune virtuoso come il nostro deve dichiarare ‘fallimento’ per responsabilità della Regione siciliana»

355

Comune di FicarraUn Comune con i conti a posto, senza debiti e persino virtuoso nella gestione della spesa pubblica, dove si risparmia facendo leva sul volontariato, dove le figure apicali della burocrazia vengono condivise con altri comuni riducendo i relativi costi e dove la politica costa pochissimo (indennità dei consiglieri azzerate, indennità dei componenti della Giunta più che dimezzate) e dove le spese per la pubblica illuminazione si sono dimezzate grazie all’introduzione dei riduttori di flusso è destinato a dichiarare “fallimento” per responsabilità della Regione siciliana che fino ad oggi deve trasferire oltre 570.000,00 euro.

“Visto il grave ritardo accumulato dalla Regione siciliana nei trasferimenti di propria competenza, Il Comune è stato obbligato a ricorrere all’indebitamento con la Tesoreria comunale (con aggravio di interessi passivi) al fine di assicurare lo stipendio ai dipendenti di ruolo e ai precari e svolgere i servizi essenziali per la comunità – afferma il Sindaco Basilio Ridolfo – Ora però siamo arrivati. La misura è colma. Abbiamo utilizzato tutta la capienza accordata dalla Banca e, dunque, non saremo in grado di assicurare più nulla, né stipendi, né l’ordinaria manutenzione e meno che mai servizi essenziali”.

“Per tale situazione, ho deciso di interessare il Prefetto perché solleciti la Regione ad effettuare i trasferimenti che toccano per legge al Comune di Ficarra. Se la situazione non si sblocca, sarò costretto a consegnare la fascia al Prefetto”.

 

« Qui la nota inviata al Prefetto »

 

Ficarra lì 23 febbraio 2015

Il sindaco di Ficarra scrive al Prefetto «Un comune virtuoso come il nostro deve dichiarare ‘fallimento’ per responsabilità della Regione siciliana» ultima modifica: 2015-02-23T12:55:14+01:00 da CanaleSicilia