Home Attualità Il Comitato pendolari ed “Il monitoraggio di febbraio 2013 relativo ai treni in ritardo e soppressi”

Il Comitato pendolari ed “Il monitoraggio di febbraio 2013 relativo ai treni in ritardo e soppressi”

644

Coordinatore Comitato Pendolari Siciliani

Fiumefreddo di Sicilia 13 marzo 2013

Al Signor Presidente della Regione Siciliana On. Rosario Crocetta

All’Assessore Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità Avv. Nino Bartolotta

Al Dipartimento delle Infrastrutture e della Mobilità Dirigente Generale Avv. Vincenzo Falgares dipartimento.infrastrutture@regione.sicilia.it

Al Dipartimento delle Infrastrutture e della Mobilità Servizio 4° Trasporto regionale Ferroviario Dr.ssa Carmen Madonia

 

Oggetto: Il monitoraggio di febbraio 2013 relativo ai treni in ritardo e soppressi.

 

Ci pregiamo sottoporre alla Vs. cortese attenzione il monitoraggio dei treni del mese di febbraio 2013 sulla relazione Messina-Catania-Siracusa.

Visti i risultati del monitoraggio di gennaio sulla relazione Messina-Catania-Siracusa, che facevano registrare i seguenti risultati su 327 treni monitorati: il 24,46% dei treni in orario, il 70,34% dei treni in ritardo, ed il 5,20% dei treni soppressi.

Abbiamo voluto continuare a monitorare il traffico ferroviario sulla stessa relazione, che ci fa registrare un calo delle soppressioni ma mantiene un trend ancora alto sui treni in ritardo.

Queste sono i risultati del monitoraggio di Febbraio 2013:

  • 22 i giorni complessivi del monitoraggio;
  • 1073 i treni totali monitorati;
  • 404 i treni in orario
  • 346 in ritardo tra 0 – 5 minuti;
  • 132 in ritardo tra 5 – 10 minuti;
  • 107 in ritardo tra 10 – 20 minuti;
  • 82 in ritardo oltre 20 minuti;
  • 6 i treni soppressi per un totale di 255 km/treno non percorsi
  • 7035 i minuti complessivi di ritardo, pari a 117 ore e 15 minuti, pari a 5 giorni circa.

Nel corso del mese non ci sono state giornate rilevanti di disservizi, così come era successo nel monitoraggio di gennaio. I dati dei ritardi sono stati ricavati direttamente dal server pubblico “ViaggiaTreno” di Trenitalia e quindi garantiti dalla stessa azienda. I ritardi perdurano quotidianamente, compromettendo in alcuni casi gli impegni dell’utenza pendolare, facendo perdere coincidenze con altri mezzi di trasporto e facendo recuperare ai pendolari lavoratori minuti e/o ore di lavoro perse, certamente non per colpa loro.

Con la presente, desideriamo sottoporVi tale problematica, chiedendoVi di intervenire, per il problema ritardi e soppressioni, nelle sedi competenti di Rete Ferroviaria Italiana e di Trenitalia per far sensibilizzare le sale operative che gestiscono la movimentazione dei treni, specialmente nelle fasce orarie di maggior flusso di viaggiatori-pendolari e precisamente dalle ore 06.00/09.00, 14.00/16.00 e 17.00/19.00.

Cogliamo l’occasione Ill.mo Presidente per invitarLa assieme all’assessore ai trasporti Bartolotta a fare un viaggio di riscontro a bordo dei treni dei pendolari per renderVi conto della situazione attuale e sollecitare le procedure del passaggio delle risorse finanziarie per la definizione del Contratto di Servizio per il trasporto ferroviario, scongiurando così i tagli paventati a giugno, mese in cui entrerà in vigore l’orario estivo.

Cordialità

Giosue Malaponti
Coordinatore Comitato Pendolari Siciliani

Il Comitato pendolari ed “Il monitoraggio di febbraio 2013 relativo ai treni in ritardo e soppressi” ultima modifica: 2013-03-14T22:29:36+01:00 da CanaleSicilia