Home Attualità Grillo parla con le parole di Hitler, ma è tutto vero?

Grillo parla con le parole di Hitler, ma è tutto vero?

2,839

Chi l'ha detto ?

In giro per la rete si legge questo famoso discorso in campagna elettorale:

“…i contadini, gli operai, i commercianti, la classe media, tutti sono testimoni… invece loro preferiscono non parlare di questi 13 anni passati, ma solo degli ultimi sei mesi… chi è il responsabile? Loro! I partiti! Per 13 anni hanno dimostrato cosa sono stati capaci di fare. Abbiamo una nazione economicamente distrutta, gli agricoltori rovinati, la classe media in ginocchio, le finanze agli sgoccioli, milioni di disoccupati.. sono loro i responsabili!
Io vengo confuso.. oggi sono socialista, domani comunista, poi sindacalista, loro ci confondono, pensano che siamo come loro. Noi non siamo come loro! Loro sono morti, e vogliamo vederli tutti nella tomba! Io vedo questa sufficienza borghese nel giudicare il nostro movimento..mi hanno proposto un’alleanza. Così ragionano! Ancora non hanno capito di avere a che fare con un movimento completamente differente da un partito politico…noi resisteremo a qualsiasi pressione che ci venga fatta. E’ un movimento che non può essere fermato… non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta..noi non siamo un partito, rappresentiamo l’intero popolo, un popolo nuovo…»

Leggendolo ci sembrano parole spesso sentite di recente,
ma in realtà… è tratto dal:
discorso per le Elezioni del 1932 di Adolf Hitler

Ma è tutto vero?

Nella ricerca di verifiche ci siamo imbattuti in questo articolo:

Così, ecco che con Gabriele Capasso, visto che nessuno dei due conosce il tedesco, troviamo un video sottotitolato in inglese (è su YouTube dal 2008, condiviso, insieme ad altri 18 video a tema, da EagleAndShield. La cosa lascia pochi dubbi circa la veridicità della traduzione, insomma) di un discorso dell’allora leader del Partito Nazionalsocialista.

Il discorso di Hitler ha dei contenuti simili alle cose che dice Grillo, in effetti. C’è un però.

I due elementi che caratterizzano maggiormente la similitudine sono quel «Sono morti» e quel «Mi hanno proposto un’alleanza».

Ebbene: Hitler non dice nessuna delle due cose.

Dice, per la precisione:

«We’ve one goal before us: to fanatically, ruthlessly, shove all these into the grave!»

Che si può tradurre così:

«Abbiamo un obiettivo davanti a noi: spingere tutti questi nella tomba, fanaticamente e senza pietà!»

E, visto quel che sarebbe successo in seguito, non abbiamo dubbi nel poter interpretare letteralmente quello “spingere nella tomba”. Non dice, però, “sono morti”. Al limite lo saranno nelle sue aspirazioni. Insomma: Grillo dice che i politici italiani sono talmente impalpabili da essere già morti. Hitler, invece, punta ad eliminarli fisicamente.

Sulla questione dell’alleanza, il discorso è più complesso. Nel discorso elettorale, Hitler racconta di aver incontrato il Ministro dell’Interno, che gli avrebbe chiesto di sciogliere le Sturmabteilung, le SA, il primo gruppo paramilitare del partito Nazionalsocialista. Non parla mai di proposte di alleanza.

Naturalmente, non ci è dato sapere, non avendo il testo sotto mano, se nel «Discorsi di lotta e vittoria. Parole del Führer nel periodo della guerra (Adolf Hitler)» (ovvero il testo italiano citato) la traduzione offerta sia quella di cui sopra.

Insomma: il populismo c’è in entrambi, come in altre centinaia di dichiarazioni di politici (anzi: se si ascolta il discorso per intero, si troveranno anche similitudini con Berlusconi, per esempio, nell’indignazione hitleriana per il numero di partiti eccessivo che si è presentato alle elezioni).

Sorgente articolo: www.polisblog.it

Grillo parla con le parole di Hitler, ma è tutto vero? ultima modifica: 2013-03-03T15:58:21+01:00 da CanaleSicilia