Home Politica Il Grillo dei Nebrodi propone l’introduzione del “Titolo di precedenza alle fasce disagiate”

Il Grillo dei Nebrodi propone l’introduzione del “Titolo di precedenza alle fasce disagiate”

1,648

al Sindaco del BROLO(ME)
al Sindaco del FICARRA (ME)
al Sindaco del PIRAINO (ME)
al Sindaco del GIOIOSA MAREA (ME)

Brolo lì 16 marzo 2016

MeetUp M5SOGGETTO: Proposta di introduzione del “Titolo di precedenza alle fasce disagiate” relativamente alla valutazione della formazione della graduatoria del personale di scrutinio da impiegare nelle operazioni per il Referendum del 17 aprile 2016.

Premesso che l’attuale crisi economica ed occupazionale ha rivestito in modo drammatico anche il territorio ed i cittadini del Comprensorio

PRESO ATTO DEI SEGUENTI PUNTI

  • L’approssimarsi del prossimo Referendum abrogativo per “limitare le concessioni petrolifere” che si svolgerà il 17 aprile 2016;
  • La presenza nel Comune di cittadini disoccupati;
  • La normativa riguardante la nomina degli scrutatori di seggi, ed in particolare l’art. 6 della Legge n. 95 dell’8 marzo 1989, sostituita dall’art. 9 comma 4, della Legge n. 270 del 21.12.2005, ulteriormente modificato dalla Legge n. 22 del 27.01.2006;
  • La discrezionalità che tale normativa concede nella formazione delle graduatorie, tra i cittadini che hanno espresso la propria disponibilità nell’apposito albo.

CHIEDONO

Che il Comune adotti come requisito ulteriore per la nomina degli scrutatori la condizione di disoccupazione, oltre a quelli previsti dalla legislazione vigente.
Per realizzare questa semplice proposta, che va solo ed esclusivamente in direzione dei cittadini in difficoltà, l’Amministrazione Comunale potrebbe pubblicare un avviso con il quale si invitano gli iscritti all’albo degli scrutatori a produrre l’autocertificazione relativa al proprio stato di disoccupazione.
Gli organi preposti effettueranno i controlli sullo stato di disoccupazione del candidato, incrociando i dati con quelli del Centro per l’Impiego.
Se il numero degli scrutatori dichiaratosi sarà superiore a quello necessario per i seggi elettorali, l’Amministrazione procederà tramite sorteggio o preferendo soggetti che versano nello stato di disoccupazione da maggior tempo.

Tale soluzione porterebbe a due vantaggi:

1. I cittadini disoccupati o comunque in stato di difficoltà economica avrebbero l’opportunità di ottenere un’entrata finanziaria a seguito del servizio prestato allo Stato, dando respiro alla loro condizione di disagio;

2. Le aziende del Comprensorio eviterebbero la perdita di produttività, causata dall’assenza dei dipendenti impiegati nelle operazioni elettorali.

Qualora vi fossero riserve in merito alla legittimità della richiesta di cui sopra, facciamo presente che un numero rilevante di Comuni Italiani hanno già adottati questa prassi per la selezione degli scrutatori. Tra questi i Comuni di Torino, Monopoli e Faenza (solo per citarne alcuni).

La richiesta si trasmette ai sensi e per gli effetti dell’art. 346 del Codice Penale, del Capo V della Legge 241/90 e dell’art. 4 del D.P.R. 352/92.

Sicuri di un favorevole accoglimento della nostra istanza e disponibili ad eventuali convocazioni per la discussione della proposta, cogliamo l’occasione per inviare distinti saluti.

Per ogni comunicazione e/o informazione può inoltrare email all’indirizzo: brolo.5stelle@gmail.com

Cordialmente

Il Grillo dei Nebrodi propone l’introduzione del “Titolo di precedenza alle fasce disagiate” ultima modifica: 2016-03-15T22:30:34+01:00 da CanaleSicilia