Home Manifestazioni Gliaca di Piraino – “Riserva naturale musicale” Un’oasi nel deserto per riunire e valorizzare talenti musicali siciliani

Gliaca di Piraino – “Riserva naturale musicale” Un’oasi nel deserto per riunire e valorizzare talenti musicali siciliani

1,131

Cinque date per cinque rarità da preservare.

Un’oasi nel deserto per riunire e valorizzare talenti, sonorità ed espressioni che rappresentano al meglio il ricco e variegato panorama culturale e musicale Siciliano.

Riserva Naturale Musicale - Gliaca di Piraino

Si comincia con Ipercussonici, vulcanica band catanese, originale fusione di generi che mescolano antichi strumenti tribali e travolgenti sonorità elettroniche. Il ritmo continua con i protagonisti della seconda data, i Big Mimma, band messinese dalle sonorità pungenti come spine di cactus, mix perfetto di Rock Mediterraneo e percussioni. Segue il camaleontico Davide di Rosolini, passato dal rock alternativo al folk popolare attraverso le arti visive e la prosa, mettendo in scena spettacoli itineranti ironici e accattivanti. Quarta data per l’ avvolgente voce di Roberta Gulisano, cantautrice dalla vena ironica e poetica, miscela di mondi musicali diversi, in cui l’anima folk e la mente jazz si mescolano in modo frivolo e brillante. L’oasi musicale diventa, infine, un rifugio perfetto per Mimì Sterrantino e gli Accusati, con un repertorio di brani che vibrano dello spirito della migliore tradizione cantautorale italiana, rimbalzando tra poesia e racconti di avventure fantastiche.

 

ipercussoniciPrima data Venerdì 27/06/2014
IPERCUSSONICI
Suoni antichi per musica futura

Alice Ferrara – Voce e percussioni
Carlo Condarelli – Tamburi bassi, djembe, balafon e cori
Luca Recupero – Marranzano elettrico, tamburelli, ‘mbira, cori
Alberto Paternò – Didjeridoo
Michele Musarra – Basso elettrico

L’energia trasformativa del vulcano in eruzione pervade nel profondo l’incredibile suono della band nata nel 2002 a Catania, in cui strumenti antichi come marranzani, didjeridoo e tamburi si fondono a creare esplosive sonorità ultramoderne attraverso il sudore e l’emozione di 5 musicisti dalla formazione poliedrica.

 

Big MimmaSeconda data Giovedi 3/07/2014
BIGMIMMA

Alessandro Silipigni: voce, chitarra e percussioni
Mosè Previti: voce, basso
Vincio Siracusano: cajon, darbuka, wawe drum, dun dun
Piero Cucinotta: djembe, dun dun
Antonio Stella: tastiere, Voci

I Big Mimma nascono a Messina nel 2009 da un’idea di Alessandro Silipigi, Mosè Previti e Vincio Siracusano, come trio basso chitarra e percussioni. Il gruppo suona da subito un mischione speciale di rock, reggae, folk e cantautorato, testi in dialetti e una forte attitudine alla canzone come “cunto”, come esperimento di immaginazione e realtà. L’organico si amplia nel 2011 con l’ingresso di Piero Cucinotta, percussionista e studioso della tradizione musicale centro africana. La band suona in locali, manifestazioni, rassegne teatrali. Nel 2012 incide il suo primo disco “Lu Stampatu”, che vede la partecipazione di Evandro Dos Reis chitarrista brasiliano già Orchestra di Piazza Vittorio.

 

Davide Di RosoliniTerza data Mercoledi 09/07/2014
DAVIDE DI ROSOLINI

Dalla prospettiva da cui gli uomini, si sa, hanno da sempre riflettuto sui dilemmi esistenziali della realtà umana, un water comodo e amichevole, Davide Di Rosolini canta le sue canzoni romantiche ed ironiche.

Abbracciando la sua chitarra e armato solo di uno sguardo placido, sincero e scanzonato, Davide prova a dare le sue personalissime risposte agli intramontabili dilemmi della vita, con quel finto pessimismo e quell’umorismo sentimentale che strappa una risata a chiunque.

 

Roberta GulisanoQuarta data Giovedì 17/07/2014
ROBERTA GULISANO TRIO

Siciliana dalla vena ironica e poetica, muove i suoi primi passi nel mondo della musica folk e successivamente intraprende gli studi accademici in musica jazz. Il suo variegato percorso musicale, iniziato nel 2006, la porta a miscelare mondi musicali diversi, in cui l’anima folk e la mente jazz si sposano in modo frivolo e brillante, muovendosi sempre da contrappunto a una penna sagace ed espressiva, cinica e vagamente strafottente. Dal repertorio della Balistreri, ai festival di musica popolare, in cui si esibisce con diversi artisti del panorama siciliano, passando per diverse collaborazioni con piccole compagnie teatrali, approda negli anni ad importanti collaborazioni, tra cui – nel 2008 – l’ apertura del concerto di Carmen Consoli, i Lautari e Alfio Antico, a Cinisi, in occasione del trentennale dalla morte di Peppino Impastato, e – nel 2011 – una partecipazione all’interno dell’ album Beddu Garibbaldi del cantautore Mario Incudine, edito da Finisterre, con la produzione artistica di Ambrogio Sparagna. Nel parallelo percorso jazzistico, incontra – nel 2010 – l’importante collaborazione di Loris e Alberto Amato, dell’Amato Jazz Trio, presenti nelle prime sessioni di registrazione del suo disco d’esordio, “Destini coatti”, uscito nel Novembre scorso.

 

Mimi SterrantinoQuinta data Mercoledì 23/07/2014
MIMI STERRANTINO

Mimì Sterrantino:Voce, Chiarra acustica, Armonica, Mandolino
Francesco Frudà: Banjo, Chitarra elettrica, Chitarra Acustica, Dobro
Sandro Curcuruto: Xilofono, Organo, Chitarra elettrica, Sega, Percussioni
Flavio Gullotta: Contrabbasso
Andrea Lo Palo: Batteria

Domenico Sterrantino, detto Mimì, nasce nel gennaio del 1984 sulla sponda di un ghiacciato fiume della Svezia del nord, ma solo dopo pochi mesi si trasferisce sulla calda costa della Sicilia orientale a Castelmola, ridente paesino arroccato sopra Taormina. Dal padre, cantante folk, assorbe la passione per la musica: dalla madre, svedese, prende quel tocco cosmopolita che gli permette di affiancare alla passione per la musica folk, l’amore per la musica internazionale. Passa ore ed ore ad ascoltare di tutto: dal rock al blues, dai canti popolari alla world music, dai cantautori italiani a quelli oltre oceano. A diciannove anni inizia a comporre brani suoi, rielaborando le influenze musicali in maniera originalissima, dando vigore alla sue composizioni con la sua voce calda e profonda. Nel febbraio 2007 esce il suo primo Ep, “Mimì Sterrantino”, per Malintenti dischi, che in meno di sei mesi viene letteralmente polverizzato.

Ristorante Pizzeria Oasi – Gliaca di Piraino – Ingresso 3 euro

Maggiori informazioni qui

Gliaca di Piraino – “Riserva naturale musicale” Un’oasi nel deserto per riunire e valorizzare talenti musicali siciliani ultima modifica: 2014-06-25T12:58:12+02:00 da CanaleSicilia