Home Attualità A Galati Mamertino la solidarietà “Civile” a Luciano Mirone

A Galati Mamertino la solidarietà “Civile” a Luciano Mirone

1,476

Galati Mamertino SolidarietàUn sit-in di solidarietà al giornalista Luciano Mirone si è svolto sabato pomeriggio nella sala consiliare di Galati Mamertino.

L’evento sul tema “Diritto di informazione e disinformazione” è stato organizzato dall’A.N.A.A.M. (Associazione Nazionale Amici di Attilio Manca).

Al tavolo con Luciano Mirone, anche Giorgio Bongiovanni (direttore di Antimafiaduemila); Antonio Mazzeo (giornalista antimafia, antimilitarista, tra gli attenti osservatori di quello che succede a Niscemi e Sigonella) e Luciano Armeli Iapichino (scrittore e segretario ANAAM) che ha moderato e condotto il dibattito.

Presente in sala, Angela Manca, mamma di Attilio Manca, alla quale a fine serata il vice presidente provinciale dell’ANPI, ha consegnato la tessera ad honorem come “esempio di resistenza civile e morale in difesa di Verità e Giustizia”

L’incontro prendeva spunto dalla recente condanna del giornalista Mirone, reo di aver diffamato l’attuale deputato ed ex sindaco di Belpasso, Alfio Papale, in un articolo scritto tre anni fa in cui parlava di abusivismo edilizio e cementificazione selvaggia nel territorio dove Papale aveva ricoperto la carica di amministratore. Alfio Papale sentitosi offeso da alcune frasi, aveva presentato querela, costituendosi parte civile nel processo.

Il Tribunale di Catania, lo scorso 22 febbraio, ha condannato Luciano Mirone al pagamento della multa di duemila euro (pena sospesa), una provvisionale immediatamente esecutiva di euro diecimila in favore della parte civile, le spese processuali di circa quattromila euro e la pubblicazione di un estratto della sentenza sul periodico www.linformazione.eu e sul quotidiano “La Sicilia”.

Galati Mamertino SolidarietàSi è discusso di diffamazione e non solo, spaziando su vari argomenti, dai giornalisti uccisi, allo scottante tema della disinformazione sulle manovre di guerra del nostro Paese, sul Muos e sui droni, al potere economico che imbriglia le redazioni.

Tra gli interventi del pubblico, Massimo Scaffidi, direttore di scomunicando.it, ha sottolineato come “la stampa del web non deve mai spegnere i riflettori e le attenzioni sui giornalisti al centro di attacchi, questo significherebbe lasciarli soli e facili bersagli, non solo della diffamazione, della macchina del fango che sempre si mette in moto contro di loro, ma di ben altro e più grave”.

Dal canto suo, Luciano Mirone, ringraziando la sala gremita per la solidarietà dimostratagli, così racconta la sua vicenda:

GIUSTIZIA E’ FATTA
Lo scorso 22 febbraio il Giudice monocratico della Quarta sezione penale del Tribunale di Catania, nella persona del dott. Domenico Stilo, ha emesso sentenza di condanna nei confronti del sottoscritto alla pena della multa di duemila Euro (pena sospesa) per il reato di diffamazione relativo ad un articolo risalente a tre anni fa, per il quale il deputato regionale Alfio Papale, sentitosi diffamato, aveva presentato querela, costituendosi parte civile nel relativo processo.
Nell’articolo incriminato si parlava di abusivismo edilizio e di cementificazione selvaggia nel territorio dove Papale è stato sindaco, assessore e consigliere comunale per trent’anni.

Il Giudice – recita il dispositivo della sentenza – “condanna altresì l’imputato… alla riparazione pecuniaria di cui all’art. 12 della legge 47/48, il tutto da liquidarsi in separato giudizio civile riconoscendo frattanto una provvisionale immediatamente esecutiva di Euro 10.000 in favore della stessa parte civile”.

A questo bisogna aggiungere le spese processuali di circa quattromila Euro e la pubblicazione di un estratto della sentenza sul periodico www.linformazione.eu e sul quotidiano “La Sicilia”.

Il sottoscritto rispetta la sentenza, pur non condividendone le statuizioni, ma non si fermerà ad accettarla passivamente, considerando incredibilmente abnorme il risarcimento del danno stabilito per la parte civile, atteso che, a suo parere, è stato ignorato il diritto di critica (cosa ben diversa del diritto di cronaca) sancito da numerose sentenze della Cassazione, fra cui quella della Sez. V Penale, Sentenza 28 dicembre 2011, n.48553, dove viene affermato che “La scriminante del diritto di critica si sostanzia nella valutazione argomentata di condotte, espressioni e/o idee, per cui perché vi sia esercizio del diritto de quo è necessario che il giudizio (anche severo, anche irriverente) sia collegato col dato fattuale dal quale il “criticante” prende spunto”.

Galati Mamertino SolidarietàTale sentenza, in presenza di taluni elementi, supera il concetto dei limiti della “continenza”, in quanto spiega le funzioni del diritto di critica – concetto che dà un significato più esteso del diritto di cronaca – e sancisce chiaramente che per esercitare tale diritto “è necessario che il giudizio (anche severo e/o irriverente) sia collegato col dato fattuale dal quale il ‘criticante’ prende spunto”.

Pertanto, affinché si possa obiettivamente valutare tale aspetto, occorre porre l’attenzione sulla sussistenza o meno del dato fattuale preso in considerazione dal giornalista. In quella occasione i giudici di legittimità hanno evidenziato che il requisito della “verità” si profila in maniera ben diversa rispetto a quanto accade nel diritto di cronaca, atteso che un’opinione non è vera o falsa, ma vero o falso può essere il presupposto fattuale sul quale essa poggia. Infine si afferma – sempre in quella sentenza – che un uomo politico è più esposto del comune cittadino alle critiche ed ai giudizi della opinione pubblica, in ragione del mandato rappresentativo che ha ricevuto e, dunque, della necessità di rendere conto del suo operato.

Il sottoscritto sottolinea che l’articolo incriminato – seppur forte nei toni – prende spunto da alcuni “dati fattuali” verificatisi nella zona di Belpasso in merito alla devastazione del territorio, e non da mere fantasie del giornalista, e preannuncia comunque che ricorrerà in appello dopo avere letto le motivazioni della sentenza (che verranno depositate nel termine di 90 giorni) e che continuerà a svolgere serenamente il proprio lavoro di giornalista contro il malaffare e la cattiva politica, ringraziando chi in questi anni gli è stato vicino, e riponendo, come sempre, la massima fiducia nella giustizia.

A Galati Mamertino la solidarietà “Civile” a Luciano Mirone ultima modifica: 2016-03-14T08:00:37+01:00 da CanaleSicilia