Home Attualità Ficarra – Presentato il Contemporary Divan/Salotto del Contemporaneo

Ficarra – Presentato il Contemporary Divan/Salotto del Contemporaneo

1,075

Ficarra - Contemporary DivanPresentato ieri sera nella sala consiliare del Comune di Ficarra il progetto artistico Ficarra Contemporary Divan/Salotto del Contemporaneo.

Sala consiliare gremita per un progetto artistico di respiro internazionale. Sono intervenuti il sindaco di Ficarra, ing. Basilio Ridolfo, il direttore artistico Mauro Cappotto, e gli artisti che cureranno il progetto.

Due residenze d’artisti, una con Canoilas e l’altra con Weinberger, artisti di fama internazionale, una Summer School, due convegni, le Vetrine in paese e una grande mostra finale, c’è tutto questo in “Ficarra Contemporary Divan/Salotto del Contemporaneo”, il progetto promosso da “La Stanza della Seta – Museo Palazzo Milio” con il Comune di Ficarra e la direzione artistica di Mauro Cappotto, che per oltre tre mesi farà del paese nel cuore dei Nebrodi un punto di riferimento nell’ambito del sistema internazionale dell’arte contemporanea.

Servizio di Cristina Miragliotta del 24 maggio 2015

L’idea del progetto, finanziato con fondi europei, è quella di consolidare il ruolo di Ficarra quale “museo diffuso”, anche per proporre una crescita che si armonizzi con il desiderio di salvaguardare l’integrità storica e urbanistica del paese: un modo questo, per realizzare un connubio fra arte e sviluppo economico.

Abbiamo intervistato per voi

Momento centrale del progetto sono due residenze, ciascuna di un artista di fama internazionale, per la durata di 39 giorni ciascuna. La prima vede protagonista l’artista portoghese Hugo Canoilas e si svolgerà dal 15 giugno al 22 luglio 2015. Le seconda vede la presenza del maestro austriaco Lois Weinberger ed è in programma dal 23 luglio al 29 agosto. Ciascuna residenza è seguita da un curatore. Canoilas lavorerà, infatti, con Giovanni Iovane, Weinberger con Lorand Hegyi. I due artisti, che lavoreranno per “contaminazione”, con la loro presenza fisica e la loro guida intellettuale, saranno i due ospiti d’eccellenza della vita cittadina: l’intero paese, come accade da tempo a Ficarra, sarà coinvolto nella realizzazione dei loro progetti, specificatamente ideati per il luogo e realizzati con maestranze e materiali locali.

In stretta connessione con le residenze di Canoilas e Weinberger, seppure con attività, ricerche e produzioni indipendenti, le due Summer School. I partecipanti alle Summer School sono figure giovani, ma in molti casi, già affermate nel panorama nazionale e internazionale. Ogni summer School sarà composta da 10 giovani tra artisti e studiosi di varie provenienze e con percorsi differenti. Saranno, dunque, laboratori di confronto, produzione e scambio, con lo scopo di rendere Ficarra una “scuola di pensiero” e una piattaforma per la cultura contemporanea internazionale, grazie all’elaborazione costante di idee e progetti, nonché centro di produzione artistica attivo a tutti i livelli e a tutte le ore.

In concomitanza delle due Summer School due convegni e tanti eventi serali, il cui scopo è quello di realizzare un incontro fra i linguaggi dell’arte contemporanea e quelli della musica, del teatro e della danza.

Due i temi che saranno approfonditi nei convegni: “Arte e cibo”, che si terrà il 3 e 4 luglio, in parallelo con il gran fermento di riflessioni che accompagneranno l’Expò nei prossimi mesi, e “Il cuore”, in programma il 17 e 18 luglio, tema che dalla medicina, alla psicologia, alla letteratura, all’arte pone interrogativi sempre nuovi.

Dal progetto nasceranno anche le 4 vetrine che saranno allestite all’interno del corpo urbano di Ficarra: nella Pescheria, nel Vecchio Frantoio, a Palazzo Busacca e nell’ex ufficio di collocamento. Le vetrine rappresenteranno un nuova dotazione per il paese, come una sorta mostra permanente ma costantemente rinnovabile: luoghi, nei quali viene fuori il carattere sperimentale e laboratoriale dell’intero progetto, per la gran quantità di persone coinvolte, per la varietà dei materiali utilizzati e dei procedimenti adottati e per la sequenza di angoli portati alla luce. Ma saranno anche possibilità visibili per restituire il massimo di “auraticità” alle opere o agli interventi prodotti, evitando il carattere di improvvisazione, e quindi di approssimazione, che caratterizza molti allestimenti degli ultimi anni.

Uno stimolo per visitare il paese nella sua interezza ma anche uno strumento in grado di valorizzare il centro storico e stimolare l’attività imprenditoriale privata intorno a questi nuclei di attrazione, in grado di proporre un’idea di museo diffuso nel centro urbano, che nel tempo potrà rappresentare una rilevante attrazione turistica in quanto visitabile in qualsiasi momento dell’anno, con una forte ricaduta in termini di destagionalizzazione.

Ficarra – Presentato il Contemporary Divan/Salotto del Contemporaneo ultima modifica: 2015-05-25T16:47:21+02:00 da CanaleSicilia