Home Politica Edilizia in Sicilia – maxisemplificazione normativa e stop agli eco-mostri

Edilizia in Sicilia – maxisemplificazione normativa e stop agli eco-mostri

384

EcomostroIl presidente della commissione Ambiente di Palazzo dei Normanni: “Il testo unico produrrà enormi vantaggi: certezza del diritto, pratiche veloci e un’architettura di qualità”

Edilizia in Sicilia, maxisemplificazione normativa e stop agli eco-mostri col ddl depositato oggi all’Ars. Trizzino: “Sarà legge entro l’anno”

Stop agli eco-mostri, iter autorizzativi più veloci e sportello telematico unico per i titoli edilizi.

Sono alcuni dei tantissimi vantaggi del corposo disegno di legge sull’edilizia che è stato depositato oggi alla commissione Ambiente dell’Ars “e che – dice il presidente della commissione, Giampiero Trizzino – puntiamo a far diventare legge entro la fine dell’anno”.

Il ddl, di 48 articoli, è molto ambizioso e si candida a diventare la pietra miliare del settore in Sicilia, dove l’ultima regolamentazione organica risale ad oltre trent’anni fa.

“Il disegno di legge – afferma Trizzino – alleggerisce le procedure autorizzative, grazie a strumenti come il meccanismo unico per l’edilizia (MUE) o lo sportello telematico per i titoli edilizi, unico per tutta la Sicilia (STARS)”.

“La semplificazione delle procedure – continua Trizzino, oltre a velocizzare notevolmente le pratiche autorizzative, con innegabili benefici per l’economia, dovrebbe inoltre ridurre notevolmente i contenziosi che spesso sono ‘figli’ di errate interpretazioni di norme oscure e ambigue”.

“Lungi dall’essere un semplice ‘recepimento di norme nazionali’ – afferma l’ingegnere Gianfranco Caudullo, che ha collaborato alla stesura del ddl – questo testo pone in essere novità dirompenti in termini di semplificazione e di trasparenza delle norme tecnico-amministrative, relative ai procedimenti edilizi. DIA, super DIA, SCIA, permesso di costruire, attività libera, non saranno più un ginepraio inestricabile di termini e norme, capaci solo di gettare professionisti e cittadini nello sconforto più totale. I 390 comuni della Sicilia, dal più piccolo al più grande, potranno parlare la stessa lingua e usare gli stessi codici, con in più l’obbligo dell’impiego di modalità telematiche di trasmissione”.

Edilizia in Sicilia – maxisemplificazione normativa e stop agli eco-mostri ultima modifica: 2014-07-30T10:13:38+02:00 da CanaleSicilia