Home Attualità Depuratore – La replica del M5S Grillo dei Nebrodi alla nota del Direttore del Consorzio ECO3

Depuratore – La replica del M5S Grillo dei Nebrodi alla nota del Direttore del Consorzio ECO3

431

M5S Il Grillo Dei NebrodiOggetto: replica alla nota del Direttore del Consorzio ECO 3, Geom. Tindaro Pino Scaffidi, e del Presidente dello stesso, nonché Sindaco del Comune di Piraino, Dott.ssa Calogera Maniaci Brasone del 30.01.2014.

Riscontriamo il comunicato stampa del Direttore del Consorzio ECO 3, Geom. Tindaro Pino Scaffidi, e del Presidente dello stesso, nonché Sindaco del Comune di Piraino, Dott.ssa Calogera Maniaci Brasone, con il quale si censurava quanto rilasciato dall’attivista Basilio Scaffidi in un’intervista in merito al servizio di depurazione.

Quest’ultimo, infatti, aveva sottolineato che noi brolesi, di fatto, non abbiamo mai usufruito in modo del tutto efficiente del servizio di depurazione e quindi pagato indebitamente delle somme.

In altre parole, l’oggetto della nostra corretta analisi era la quota del canone idrico del Comune di Brolo che comprende quello che di fatto è l’inesistente (almeno fino all’estate 2013!) servizio di depurazione; tant’è che per tale ragione avevamo (nel giugno 2012 e ribadito qualche giorno fa), altresì, prospettato una possibile Class Action nei confronti del Comune di Brolo.

Insomma, non siamo entrati specificatamente nei motivi tecnici, per i quali i cittadini non hanno usufruito per anni di un servizio di depurazione adeguato, nonostante vi fosse una struttura consortile che doveva essere all’avanguardia.

Occorre sottolineare che i suddetti motivi potrebbero essere vari, come ad esempio l’arretrata rete fognaria del Comune di Brolo, la quale, non separando le acque bianche da quelle nere, riversa nel depuratore una mole d’acqua che esubera la sua capacità di smaltimento.

Inoltre, sappiamo pure che il Comune di Brolo, nonostante imponga ai propri cittadini una tassa ingiusta (quella per l’inesistente servizio di depurazione, appunto) risulta essere debitore della somma di 470.000 Euro circa nei confronti del Consorzio.

Ma – ribadiamo ancora una volta! – ciò che veramente ci sta a cuore sono i cittadini, i quali per non chiari motivi di natura tecnica hanno pagato per un servizio del quale non usufruivano. Pertanto, si tratta di una questione di natura strettamente giuridica fra i cittadini brolesi ed il Comune di Brolo.

Inoltre, ci sia consentito rilevare che già nel giugno 2012 il Movimento 5 Stelle Nebrodi aveva posto l’attenzione sul depuratore consortile e sul suo funzionamento. Infatti, partendo dall’evidente constatazione che nei periodi estivi i liquami riversati in mare rappresentavano un autentico squallore e un vero pericolo ambientale (e per tale analisi non è necessario essere degli ingegneri!), avevamo chiesto alle amministrazioni dei Comuni facenti parte del Consorzio di avere chiarimenti circa il funzionamento della suddetta struttura, specialmente alla luce della circostanza che nello stesso 2012 le analisi dell’ARPA avevano dimostrato che i liquami scaricati dall’impianto di depurazione raggiungevano valori 720 superiori ai limiti di legge, provocando gravi danni ambientali ed elevati rischi per l’igiene e la salute pubblica.

Orbene, nonostante la nostra richiesta di chiarimenti in merito (e ribadiamo, chiarimenti e non accuse!), nessuna amministrazione né gli organi dello stesso consorzio ci avevano fornito spiegazioni. Pertanto, a distanza di due anni (meglio tardi che mai), apprendiamo dagli organi di stampa con “viva e vibrante” soddisfazione che il depuratore funziona a meraviglia. Peccato che per noi cittadini brolesi vi sia anche un altro problema – che poi era il vero oggetto della censurata intervista televisiva – ovvero quello relativo al pagamento di un servizio (quello di depurazione, appunto) del quale per diversi anni non si è usufruito. E per constatare ciò vi assicuriamo che non serviva alcuna competenza particolare, bastava solo recarsi sulla spiaggia brolese nei periodi estivi e vedere un mare trasformato in una vera “pattumiera” a cielo aperto!

Infine, ci sia consentito suggerire al Sindaco del Comune di Piraino, Dott.ssa Gina Maniaci Brasone, persona stimata e integerrima, così come a diversi membri della compagine amministratriva comunale, di concentrarsi maggiormente sui problemi che affliggono l’ente che amministrano anziché profondere un eccessivo quanto inutile sforzo in sterili e tediosi comunicati stampa e battibecchi “politichesi” che, ormai, annoiano anche i loro concittadini.

Brolo – Piraino, 31 gennaio 2014

Movimento Cinque Stelle – Il Grillo dei Nebrodi
Basilio Scaffidi
Simone Luca Reale
Paolino Ricciardo
Silvio Ricciardo
Salvo Scolaro
Pascal Scolaro

Depuratore – La replica del M5S Grillo dei Nebrodi alla nota del Direttore del Consorzio ECO3 ultima modifica: 2014-01-31T18:59:10+01:00 da CanaleSicilia