Home Attualit√† Continuano le giornate di Prevenzione ¬ęBrolo Salute Comune¬Ľ

Continuano le giornate di Prevenzione ¬ęBrolo Salute Comune¬Ľ

719

Giornata Udito BroloOggi i controlli gratuiti dell’udito, ad usufruirne sono stati oltre 30 residenti.

Soddisfatta l’assessore alle politiche sociali, Marisa Briguglio che ha ottimizzato, oltre che fortemente voluto, questa grande campagna di prevenzione medico-sociale.

Lei al termine della delle tante visite,  evidenzia come  i controlli gratuiti dell’udito sono stati espletati  per giovani e meno giovani, e hanno riguardato le grandi patologie  che  comportano il calo dell’udito che è un problema comune a molti, e che colpisce indistintamente uomini e donne a tutte le età, anche se il picco si registra intorno ai 65 anni.

In Italia, infatti, ¬†sono oltre¬†¬†7 milioni¬†di cittadini¬†a soffrirne. Patologie delle quali non sempre sono coscienti: l‚Äôipoacusia infatti si manifesta gradualmente e provoca una sorta di assuefazione.¬†Circa il¬†37% non riconosce il problema¬†e il 33% non si √® mai sottoposto a una visita di controllo.¬†Scopo di questa giornata di prevenzione – evidenzia l‚Äôassessore Briguglio ‚Äst√® quello di fornire¬†valutazione medica,¬†di fondamentale importanza, per riconoscere l‚Äôentit√† del calo uditivo e intervenire tempestivamente, in modo da non compromettere la propria comunicazione uditiva.

La giornata di prevenzione a Brolo √® stata realizzata in collaborazione con L‚ÄôAerfon sordit√†¬†con la partecipazione del dottor Fabio Morabito, specialista in Tecniche Audioprotesiche¬†, che tirando un bilancio dell’iniziativa, sotto il profilo clinico¬†ha evidenziato ¬†che il caso pi√Ļ rilevante √® stato riscontrato¬†in¬†una paziente ¬†presumibilmente colpita\ da sindrome di Meniere che dovr√† ora sottoporsi ad una serie di¬†¬†accertamenti specifici, mentre altri casi riscontrati di¬†acufeni e ipoacusia, riscontrati attraverso l’esame audiometrico, dovranno valutare in seguito il da farsi e comunque controllarsi tra qualche mese. Proprio perch√® spesso la perdita dell’udito non sempre √® riscontrabile all’inizio della malattia poich√® tende a camuffarsi.

La fascia d’utenza che ha utilizzato il servizio gratuito di prevenzione era quella d’età dai 50 anni in su.

Tornando al problema.¬†Un calo uditivo pu√≤ essere tanto graduale da rendere difficile accorgersene sulle prime; tenere controllato l‚Äôudito, come si fa con la vista o con i denti, √® un‚Äôottima idea.¬†E questo perch√® sentire bene non solo ci permette di stare bene in mezzo agli altri e di partecipare pienamente alla vita di relazione, ma anche perch√® la sordit√† ‚Äúaddormenta‚ÄĚ, come evidenziato in recenti studi, una parte del cervello, abbassandone la funzionalit√† e l‚Äôefficienza.

La sordit√† dunque isola diventando da medico anche ‚Äď appunto come sopra definito ‚Äď problema sociale.¬†Nel caso dell‚Äôudito poi¬†√® necessaria un‚Äôattenta prevenzione, perch√® il suo calo pu√≤ avere cause diverse, non solo legate, come spesso si pensa, all‚Äôet√†, ma anche a malattie o a traumi da un lato esiste la perdita d‚Äôudito conduttiva, dove esiste un problema di trasmissione del suono all‚Äôorecchio interno, e che pu√≤ essere legata anche ad un semplice accumulo di cerume.

D’altro canto esiste anche, talvolta contemporaneamente, la perdita d’udito neurosensoriale o percettiva, che può essere legata all’età come a esposizione a rumori eccessivi, e che vede danneggiate le cellule sensoriali e le fibre nervose dell’orecchio interno… un quadro complesso, che solo un professionista qualificato può identificare per voi, suggerendo le migliori soluzioni.

Continuano le giornate di Prevenzione ¬ęBrolo Salute Comune¬Ľ ultima modifica: 2017-07-06T20:21:57+02:00 da CanaleSicilia