Home Politica Cimitero Brolo – Tra puntualizzazioni e precisazioni

Cimitero Brolo – Tra puntualizzazioni e precisazioni

2,184

Ricciardello - CondipoderoUn botta e risposta tra il sindaco di Brolo, Irene Ricciardello, e il giornalista Giuseppe Condipodero, sulle notizie inerenti il cimitero di Brolo.

Per Irene Ricciardello quella venuta fuori sul cimitero “è un accozzaglia di notizie non veritiere, o che affondano la loro realtà in anni passati”.

E quindi ci tiene a puntualizzare alcuni aspetti, proprio per “il rispetto per i defunti e per chi resta a pregarli”.

“Quest’Amministrazione, – ribadisce il sindaco – da quando è in carica, non ha MAI venduto, attraverso gli interventi dell’ufficio tecnico, che conferma quanto scrivo, a nessuno non residente in questo comune loculi o posti per tombe o inumazioni varie.

Irene RicciadelloQuest’Amministrazione ha assistito a tumulazioni di non residenti in quanto c’era stato in passato chi aveva permesso che loculi e posti venissero venduti ai non residenti. E di questo non ci si può assumere la colpa, né si potevano revocare quegli atti. Quest’Amministrazione si sta attivando, ed è storia amministrativa di pochi mesi fa, per far realizzare nuove cappelle atte ad ospitare nuovi loculi, nel pieno rispetto delle regole, delle priorità, del rispetto dei defunti. Questa Amministrazione ha l’impegno con i suoi cittadini di tenere il cimitero pulito, decoroso, vigilato, e lo fa quotidianamente e non solo in occasioni di festività o celebrazioni. In maniera costante e quotidiana”.

E poi definisce “una favola” la storia dei furti: “ll custode di quei luoghi – dichiara Irene Ricciardello – ne sconosce l’esistenza, nessuno ha negli ultimi anni denunciato tale insulto alla memoria ai Carabinieri. Si è vero che furti si sono registrati, ma in altri tempi ed è per questo che oggi il cimitero di Brolo è custodito, salvaguardato, chiuso di notte”.

Pippo CondipoderoIn riferimento alle suesposte puntualizzazioni del sindaco, per Pippo Condipodero “corre l’obbligo formulare qualche rilievo”. Innanzitutto scrive “con fare poco garbato, la sig.ra Irene Ricciardello definisce l’articolo un’accozzaglia di notizie. Cosa replicare: ad ognuno il suo stile!”

E continua: “Nell’articolo, non si afferma affatto che l’attuale amministrazione abbia venduto loculi, posti o tombe a non residenti. Cosicché, l’irruenta difesa esibita sul punto dal Sindaco, appare priva di giustificazione. Tuttavia, che tale prassi, in passato, si fosse alquanto diffusa non è certo fatto nuovo. E potrà confermarla finanche l’attuale Vicesindaco che, a quanto ho avuto modo di apprendere, ne ha beneficiato per una stretta congiunta.

La circostanza, poi, che attualmente al Cimitero non vi siano più posti è un altro dato inconfutabile. E’ un fatto. Come pare sia un fatto che l’unica cessione di un loculo da parte di questa amministrazione sia avvenuta a favore del parente di un consigliere di maggioranza. In questi ultimi giorni, però, sono giacenti, in attesa di essere tumulate, ben cinque bare. Si può definire una situazione di emergenza? Io credo di si! La favola dei furti. Purtroppo piccoli furti (statuette, lumini, vasi, ecc.) accadono. E spesso non si denunciano perché incidono su oggetti di scarso valore”.

“Nell’articolo non si punta il dito contro l’amministrazione, né contro altri – ci tiene a precisare Condipodero – Si riferisce, anche in questo caso, un fatto. Ma al cronista tocca raccontare i fatti. Chi legge, d’altronde, può sempre giudicare. Al Sindaco spetta, invece, trovare soluzione ai problemi. Senza scaricare, come da qualche anno accade a Brolo, responsabilità ad altri”.

Cimitero Brolo – Tra puntualizzazioni e precisazioni ultima modifica: 2016-03-25T11:00:00+01:00 da CanaleSicilia