Home Cronaca Catania – Sequestrato il locale e denunciato il responsabile per gioco d’azzardo

Catania – Sequestrato il locale e denunciato il responsabile per gioco d’azzardo

1,799

Domus Bet - CataniaLa società “Domus Bet S.r.l.”, con sede in San Giovanni La Punta (CT), è titolare della concessione per il gioco a distanza. Per svolgere tale attività, prevista dall’art. 24 della legge 7 luglio 2009 n.88, si serve del sito internet “Domusbet.it”.

La societĂ  Domus Bet S.r.l. si affida ad esercenti che hanno delle attivitĂ  come rivendite di tabacchi, agenzie di scommesse, cartolerie ecc., per pubblicizzare e diffondere i giochi pubblici a distanza oggetto della concessione che riguardano principalmente gli avvenimenti sportivi italiani ed esteri ed altri giochi come poker, slot machine ed altro.

I predetti esercenti, presso le loro attività, possono stipulare con i clienti solo contratti di conto gioco, che consistono nel registrare i clienti nel sito Domusbet.it attribuendogli una username ed una password, e possono inoltre ricaricare il suddetto conto di gioco. Per ricarica del conto di gioco si intende che il titolare di un conto gioco si presenta presso l’esercizio Domus Bet, fornisce le proprie credenziali (username e password) e può chiedere di ricaricare il conto gioco versando una somma di denaro al gestore, con la quale il titolare del conto di gioco potrà effettuare le sue scommesse on-line sul predetto sito.

L’esercente non può accettare scommesse o pagare vincite in denaro ai titolari di conto gioco, bensì si deve limitare ad effettuare solo quanto sopra descritto.

Il titolare di un conto gioco può effettuare le scommesse o da un computer messo a disposizione all’interno dell’esercizio o da altro terminale. Serve precisare che, se il titolare del conto di gioco effettua la scommessa all’interno dell’esercizio, l’esercente non può dare alcuna assistenza.

Il concessionario, ossia la società Domus Bet, riconoscerà all’esercente, businnes partner, una provvigione commisurata all’attività di gioco derivante dalla movimentazione dei conti di gioco sul sito Domusbet.it.

L’agenzia di scommesse, controllata dal personale della Squadra Amministrativa in data 2 dicembre u.s., con sede in questa via Francesco Crispi n. 142, all’esterno pubblicizzava il gioco a distanza con la società Domus Bet S.r.l., all’interno, invece, aveva messo a disposizione degli avventori un palinsesto di numerosi eventi sportivi ed esteri senza alcuna intestazione e, dopo la consultazione, gli avventori potevano presentarsi alla cassa, dettare i pronostici e versare le somme da scommettere per contanti al responsabile che ne rilasciava la relativa schedina.

Per effettuare le scommesse in questione, il titolare dell’agenzia si serviva di due società estere, di cui non forniva alcuna documentazione, che risultavano essere: “winsport365” e “betfire 24”.

Uno degli operatori della Squadra Amministrativa, fingendosi un cliente, entrava all’interno dell’agenzia di scommesse de qua, consultava il palinsesto delle scommesse, si avvicinava alla cassa gestita dal titolare ed effettuava una scommessa, previa dettatura dei pronostici, dell’importo di euro 5,00 (cinque) che pagava per contanti; il titolare, quindi, incassava la somma e gli rilasciava la relativa schedina.

Considerato che l’agenzia, come detto, era stata attivata senza essere in possesso della prevista concessione dei Monopoli di Stato e della licenza di Polizia rilasciata dal Questore di Catania, il responsabile veniva denunciato, in stato di libertà, per i reati di cui all’art. 4 Legge n.401 del 13.12.1989 e successive modifiche, che vieta a quanti privi di concessione, autorizzazione o licenza, di svolgere in Italia qualsiasi attività organizzata al fine di accettare o raccogliere o comunque favorire l’accettazione o in qualsiasi modo la raccolta anche per via telefonica o telematica, di scommesse di qualsiasi genere, nonché ai sensi all’art. 88 TULPS, per aver attivato una agenzia di scommesse priva dell’autorizzazione di polizia, e agli articoli 718 e 719 C.P., per aver esercitato il giuoco d’azzardo. L’immobile è stato sottoposto a sequestro penale unitamente all’attrezzatura telematica utilizzata per svolgere detta attività.

Catania – Sequestrato il locale e denunciato il responsabile per gioco d’azzardo ultima modifica: 2015-12-05T13:16:27+01:00 da CanaleSicilia