Home Sport Calcio Siciliano – Occasione mancata per il Messina, ritorna da sola al comando l’Igea Virtus

Calcio Siciliano – Occasione mancata per il Messina, ritorna da sola al comando l’Igea Virtus

840

Calcio Sicilianodi Lorenzo Scaffidi C. – Seconda domenica di novembre positiva alle squadre siciliane impegnate nei vari campionati calcistici che vanno dalla Serie A al campionato dilettantistico.

Nemmeno una sconfitta per le squadre prese in esame, tanti pareggi e delle piacevoli riconferme che confermano come il calcio regionale giochi un ruolo di primo piano a livello nazionale.

Serie A ferma a causa delle gare della nazionale maggiore di calcio, impegnata nelle qualificazioni ai Mondiali del 2018. In serie B, il Trapani mette fine alla serie negativa di sconfitte, ottenendo a Perugia un buon pareggio.

Il tecnico dei siciliani, Serse Cosmi, sapeva che era importante uscire indenni dal campo del “Renato Curi”, ed il Trapani questa volta c’è riuscito. 1 a 1 il risultato finale: succede tutto negli ultimi minuti, all’84’ Nicastro porta in vantaggio gli umbri e dopo solo un minuto, all’85’ risponde Coronado. Certo il Trapani rimane ultimo con 10 punti dopo 14 giornate, ma la prestazione di oggi permette a tutto l’ambiente trapanese di credere in un futuro migliore. Oramai l’obbiettivo stagionale è la permanenza in B ed il Trapani può e deve, senza dubbio, assolutamente farcela.

Il Lega Pro girone C il Messina rinvigorito dalla cura Lucarelli e reduce da quattro risultati utili consecutivi, impatta per 1 a 1 contro la Fidelis Andria in casa. Uomo match, Demiro Pozzebon che con un rigore al 64′ riacciuffa la Fidelis Andria andata in vantaggio con Cruz al 22′. Partita divertente al “Franco Scoglio”, con il Messina che non è riuscito ad ottenere i tre punti nel secondo turno consecutivo tra le mura amiche, pagando a caro prezzo un avvio incerto con gli ospiti andati in vantaggio in modo meritato. Classico 4-3-3 per Lucarelli, con Bruno preferito a Palumbo per affiancare Rea al centro della difesa, con Grifoni e De Vito terzini. Musacci è chiamato a dare geometrie davanti la difesa, con Foresta e Akrapovic in mezzo al campo. Madonia si riprende una maglia da titolare a discapito di Ferri, con Milinkovic e Pozzebon a completare l’attacco. Lucarelli aveva avvertito i suoi durante la settimana e il campo gli ha dato ragione, anche se dopo l’ottimo pareggio ottenuto contro il forte Matera, questo 1-1 ha il sapore dell’occasione mancata.

Questo pareggio, qualche campanello d’allarme lo lancia ad un ambiente che credeva di poter già lottare tranquillamente per i play off. E tutte le voci circa una vendita societaria, non aiutano certamente l’ambiente a concentrarsi sul traguardo prefissato.

Vince invece il Catania al Massimino contro il Catanzaro per 3 a 1. Di Biagianti, Mazzarani e Di Grazia i gol per il Catania,mentre per il Catanzaro segna il momentaneo pareggio Tavares. In virtù di questa vittoria la formazione di mister Rigoli allunga la propria striscia di risultati utili consecutivi e continua la propria risalita in classifica verso la zona dei play off. Partita coratterizzata da ben sei espulsioni e da un nervosismo latente propiziato dagli ospiti. Poco male, l’importante è che mister Rigoli sia soddisfatto della propria squadra e che il Catania dopo l’avvio tragico contraddistinto dalla penalizzazione del -7, sia lì a combattere nelle posizioni che contano.

Nel girone C di Lega Pro c’era molta attesa per il derby siciliano tra il Siracusa e l’Akragas: 2 a 2 il risultato finale. Di Gomez e Cochis i gol per l’uno-due nei primi 15′ dell’Akragas, di Turati e Catania i gol per il pareggio del Siracusa. Goal, emozioni, rimonte e tanto cuore: tutto questo è la sintesi del derby andato in scena quest’oggi al “De Simone” tra Siracusa e Akragas. Due squadre che si sono affrontate a viso aperto dalle prime battute a quelle finali, dando vita ad uno spettacolo unico per il pubblico di ambedue le parti, con ben 4 reti messe a segno nella prima metà di gara prima dell’affondo azzurro della ripresa.

Nel girone I di serie D, continua ad entusiasmare la favola Igea Virtus. Al “D’Alcontres”, i giallorossi si sbarazzano facilmente per 3 a 1 del Pomigliano, vincendo e convincendo della propria forza davvero tutti. Di Fontana al 6′, Longo al 51′ e Biondo al 63′ le reti per i barcellonesi, mentre la rete del Pomigliano è realizzata all’80’ da Alfano. Al triplice fischio al D’Alcontres è festa grande negli spalti e in campo, un’altra vittoria di cuore e sostanza per i ragazzi del presidente Nino Grasso. Contro i campani è andata in scena un’altra prova maiuscola dei ragazzi di mister Raffaele, che giocando un ottimo calcio, deliziano ed allo stesso tempo continuano a far sognare i propri tifosi. Già, perchè da questa sera, grazie alla sconfitta sul campo della Frattese della Sicula Leonzio, l’Igea si piazza nuovamente da sola al comando della classifica del girone I a +1 dalla Cavese. A Barcellona Pozzo di Gotto è ormai severamente vietato svegliare i tifosi igeani che continuano a sognare ad occhi aperti.

Calcio Siciliano – Occasione mancata per il Messina, ritorna da sola al comando l’Igea Virtus ultima modifica: 2016-11-14T08:35:54+01:00 da CanaleSicilia