Home Sport Calcio siciliano – Nel derby siciliano gli ex condannano il Messina, Longo alimenta il sogno Igea Virtus

Calcio siciliano – Nel derby siciliano gli ex condannano il Messina, Longo alimenta il sogno Igea Virtus

1,539

Calcio Sicilianodi Lorenzo Scaffidi C. – Ultima domenica di carnevale contrassegnata da risultati a sorpresa per le squadre siciliane impegnati nei vari campionati calcistici che vanno dalla serie A alla serie D.

Il match più interessante della giornata, era senza dubbio il derby tutto siciliano tra Messina e Catania che ha visto vincere gli etnei, apparsi rispetto ai giallorossi più cinici e più desiderosi dei tre punti. Spreconi gli uomini di Lucarelli che hanno mancato più volte il gol del 2 a 0. In serie D con una vittoria fondamentale propiziata dalla rete del “favoloso” Longo, rimane aggrappata alla vetta l’Igea Virtus che continua a credere fortemente nel salto di categoria.

In serie A nella 26^ giornata, il Palermo butta alle ortiche un’occasione d’oro per avvicinarsi all’Empoli ed al sogno salvezza. Dopo la sconfitta nell’anticipo del sabato dell’Empoli contro i campione d’Italia della Juventus, i rosanero avevano la possibilità di portarsi a – 5 punti dai toscani, dovevano solo dover battere la Sampdoria al Barbera. Purtroppo, dopo aver disputato una buona gara, la vittoria sfugge negli ultimi istanti dell’incontro: i siciliani erano passati in vantaggio grazie ad un calcio di rigore del bomber macedone Nestorovski al 31′ e dopo aver fallito alcune occasioni per siglare il raddoppio, i siciliani venivano raggiunti e beffati al 90′ da gol del doriano Quagliarella. Adesso la strada per la salvezza si fa nuovamente in salita, visti gli impegni che dovrà affrontare la squadra di Lopez, ma mancano ancora dieci giornate piene di speranza ed a Palermo sembrano attrezzati per i miracoli calcistici.

In serie B un vero e proprio miracolo calcistico lo sta compiendo il Trapani di Alessandro Calori, che da quando si è seduto sulla panchina amaranto sta facendo viaggiare i siciliani a ritmi impensabili fino a poco tempo fa. Al Provinciale di Trapani un colpo di testa di Maracchi al 40′ decide l’incontro contro la quotata Salernitana. Grazie a questi tre punti, in classifica i siciliani scavalcano la Ternana e si porta a tre punti dai playout e a quattro dalla zona salvezza e torna prepotentemente in corsa per la permanenza nel torneo cadetto. Avanti così.

In Lega Pro, il match clou della 27^ giornata si gioca al Franco Scoglio e vede fronteggiarsi i padroni di casa del Messina contro il Catania, in un derby ad alta tensione, cominciato già in settimana con le polemiche tra i vertici societari dei due sodalizi. Al termine dei 90′ ne viene fuori un derby decisamente pazzo con il Catania che espugna Messina 2-1 in una gara avvincente giocata su un campo ai limiti dell’impraticabilità per la pioggia caduta nelle ore prima del calcio d’inizio e durante la gara; succede tutto nella ripresa: al vantaggio iniziale dei padroni di casa con un calcio di rigore realizzato da Milinkovic al 58′, in superiorità numerica per l’espulsione di Gil nei primi minuti dell’incontro, rispondono gli uomini di Petrone, dopo aver ristabilito la parità numerica per l’espulsione per doppia ammonizione di Da Silva, con gli ex Pozzebon al 74′ e BariÅ¡ic nei minuti finali del match. Per i peloritani si interrompe una striscia di imbattibilità casalinga che durava da quattro gare. Per i rossazzurri, invece, tre punti d’oro che consentono di tornare al sesto posto a quota 39 punti e soprattutto riporta in zona play-off la squadra del neo tecnico Petrone.

Il Siracusa dei miracoli vuol continuare a fare sognare i propri tifosi, e dopo aver conquistato una salvezza impensabile ad inizio campionato in questo periodo, incomincia seriamente a pensare a qualcosa di grande come i play off. Anche ieri una magnifica vittoria: sbancato il “XXI Settembre-Franco Salerno” di Matera con uno splendido poker. Di Azzi al 46′, Turati al 60’, Persano al 89’e Catania al 92′ le reti per gli aretusei che portano a casa tre punti fondamentali per la corsa al sogno play off. A Siracusa si sogna in grande.

Non vanno bene le cose per l’Akregas che in casa all’Esseneto di Agrigento si fa beffare in zona cesarini dal quotato Foggia,primo in classifica, grazie ad un gol Di Piazza. A dire il vero, l’ attaccante del Foggia segna allo scadere il gol vittoria in probabile fuorigioco. Comunque onore ai padroni di casa che erano riusciti a imbrigliare i rossoneri, più forti fisicamente e tecnicamente, riuscendo a togliere ossigeno alla manovra della capolista. Ma come sempre di recente è un errore individuale a punire l’Akragas. Adesso la situazione in classifica si fa sempre più difficile.

In serie D girone I, l’Igea Virtus ottiene la vittoria nella prima delle dieci finali che si disputeranno da qui al termine della stagione. La squadra di Barcellona al D’Alcontres – Barone batte il Rende con il risultato di 1-0 nell’anticipo della venticinquesima giornata del girone I. Decide il match lo splendido gol del giovane attaccante Sebastiano Longo al 30′ del secondo tempo. La squadra di Raffaele così si riprende il secondo posto in classifica e balza a quota 51 punti , in attesa del risultato del big match tra Cavese e Sicula Leonzio. Una finale è stata vinta, ma affinchè il sogno Lega Pro dell’ Igea si concretizzi, bisogna vincere altre nove battaglie. Sempre così e forza Igea Virtus.

Calcio siciliano – Nel derby siciliano gli ex condannano il Messina, Longo alimenta il sogno Igea Virtus Ultima modifica: 2017-02-26T22:26:01+01:00 da CanaleSicilia