Home Sport Calcio siciliano – Messina prima gioia dell’era Proto, sconfitta pesante per l’Igea Virtus a Torre del Greco

Calcio siciliano – Messina prima gioia dell’era Proto, sconfitta pesante per l’Igea Virtus a Torre del Greco

1,556

Calcio SicilianoProsegue, in questa prima domenica del mese di marzo, la nostra consueta analisi sulle squadre siciliane più importanti impegnate nei vari campionati calcistici che vanno dalla serie A alla serie D.

di Lorenzo Scaffidi C. – In serie A il Palermo getta alle ortiche l’ennesima occasione di dare un senso diverso al proprio campionato e di avvicinarsi sempre più al sogno chiamato salvezza. Eppure a Torino contro la formazione di Mihajlovic per 75′ i rosanero avevano giocato un’ottima partita, andando addirittura in vantaggio con Rispoli al 30′.
Nella ripresa però è arrivato il solito calo di tensione con il Toro che ne ha approfittato colpendo con il suo uomo più letale, il gallo Belotti autore di una tripletta. L’unica nota positiva della giornata dei siciliani? La sconfitta dell’Empoli in casa contro il Genoa con le distanze fra terzultima e quartultima che restano invariate.

In B nella 29^ giornata il Trapani guidata da Alessandro Calori non va oltre il pari contro una diretta concorrente per la permanenza nel campionato cadetto.
Tra le mura amiche del Provinciale, gli amaranto, in un match da vincere assolutamente, conquistano un solo punto contro il Latina di Vivarini. 1 a 1 il risultato finale: succede tutto nei primi 45′ con i locali a passare in vantaggio grazie alla rete di Manconi all’11’, rispondono i laziali al 39′ con Pinsoglio. Occasione sprecata dunque per i siciliani che non riesconono a dare continuità al loro rendimento ma che comunque si mantengono a cinque lunghezze dalla zona playout. Si può fare.

In lega Pro, girone C, il Messina conquista la prima vittoria dell’era Proto, battendo con il risultato di 1 a 0 il Monopoli. Vittoria importantissima per i biancoscudati, la quinta nelle ultime sei uscite casalinghe. Al Franco Scoglio, le due squadre danno vita ad un match piacevole e ricco di azioni pericolose. Alla fine è la squadra di Lucarelli a conquistare l’intera posta in gioco e a mettere in cascina punti fondamentali in chiave salvezza. Il gol che ha deciso la partita è stato realizzato al 31′ del primo tempo da Anastasi. Nel secondo tempo il Monopoli ha cercato di aumentare il forcing nell’area peloritani, ma i giallorossi hanno controllato bene le sortite degli avversari, non rischiando grossi pericoli. In classifica la squadra di Lucarelli aggancia proprio i pugliesi a quota 30, ma in virtù delle vittorie della Reggina e del Catanzaro, restano 3 i punti di margine sulla zona playout. C’è ancora molto da sudare per i ragazzi di mister Lucarelli.
Nella 28 giornata del girone C del campionato di Lega Pro, sconfitta a sorpresa per il Catania che dopo il successo nel derby col Messina perde in casa col Melfi, ultimo in classifica, abbandonando le residue speranze di agganciare la zona play off. Il Melfi, fanalino di coda, esce tra gli applausi dei tifosi rossazzurri. I lucani, ben disposti in campo da Diana, escono meritatamente vittoriosi e applauditi dal “Massimino” al termine di una gara in cui le uniche occasioni da rete le hanno create gli ospiti, segnando un gol per tempo e sfiorandone almeno un altro paio. Davvero incomprensibile la condotta di gara della formazione allenata da Petrone che le ha tentate tutte per dare una scossa alla sua squadra, inserendo man mano Barisic, Di Grazia e Mazzarani ma il gioco dei padroni di casa è stato farraginoso, senza sbocchi e deludente su tutti i fronti. Dei lucani Foggia e De Angelis le reti dell’incontro.

L’unica squadra siciliana che può ancora credere di agganciare il treno dei play off è il Siracusa che al contrario del Catania, tra le mura amiche non delude conquistando tre punti d’oro e continua a regalare un sogno che domenica dopo domenica si fa sempre più concreto. Al De Simone gli uomini di Sottil schiantano la Vibonese per 4 a 1 con una prestazione maiuscola e si candidano a diventare vera sorpresa del campionato. A Sbloccare il match per gli aretusei al 20’ è Lele Catania. Il raddoppio è firmato da Valente poco oltre la mezz’ora. Sul finire del primo tempo il tris di Turati, bravo ad insaccare un rigore calciato sul palo da Scardina. Al 57’ Minarini accorcia le distanza sugli sviluppi di un corner. Al 93’ il tris azzurro con Azzi a coronamento di una bella azione personale.

Nel campionato di serie D, stop esterno per l’Igea Virtus, sconfitta 4-1 a Torre del Greco dalla Turris, guidata in panchina dal tecnico Giovanni Baratto, ex della squadra barcellonese. Peccato perchè i giallorossi avevano iniziato bene la partita ed erano addirittura passati in vantaggio. Gli uomini di Raffaele erano passati con Dioum al 24’ del primo tempo, poi il pareggio di Improta al minuto 42’. Ad inizio ripresa il gol del vantaggio dei locali con Di Girolamo, mentre nei minuti finali la Turris ha arrotondato il punteggio con Somma prima ed con Improta dopo. Chissà cosa sarebbe successo se il bomber Lescano avesse realizzato il rigore concesso dall’arbitro sul 2 a 1 per i padroni di casa. Sconfitta pesante soprattutto per la classifica, è vero, l’Igea Virtus è sempre seconda, a quota 51 punti, in coabitazione con la Cavese, ma lontana adesso 7 punti dalla prima in classifica, la Leonzio, che ha superato il Gladiator 2-0. La corsa al primo posto diventa qualcosa di utopistico a conclusione della 29^ giornata, ma per il balzo di categoria ci sono sempre i play off. E allora: forza Igea Virtus.

Calcio siciliano – Messina prima gioia dell’era Proto, sconfitta pesante per l’Igea Virtus a Torre del Greco Ultima modifica: 2017-03-05T19:11:40+01:00 da CanaleSicilia