Home Sport Calcio siciliano – Il Messina brinda alla salvezza, l’Igea Virtus crolla sul più bello

Calcio siciliano – Il Messina brinda alla salvezza, l’Igea Virtus crolla sul più bello

2,616

Nella prima domenica del mese di maggio, ultimi giri di giostra per i campionati professionistici di calcio che vedono impegnate le squadre siciliane: mentre alcune squadre sanno già quale sarà il proprio destino, altre saranno in lotta nelle lotterie dei play off e play out.

Calcio Sicilianodi Lorenzo Scaffidi C. – Nella 35^ giornata del campionato di serie A, il Palermo dice arrivederci alla massima serie: infatti i rosanero tornano in Serie B dopo tre anni. Al Bentegodi di Verona finisce 1 a 1 la sfida contro il Chievo di mister Maran e gli uomini di Bortoluzzi: al 67′ è Pellissier a sbloccare il risultato per i locali, ma a due minuti dal termine Goldaniga porta il risultato in perfetta parità. Con tre giornate d’anticipo, dunque, il Palermo si ritrova da questa sera in serie B: speriamo di vero cuore che la nuova dirigenza si metta d’impegno affinchè la mancanza dal calcio che conta, per una società importante come il Palermo, possa durare solo un anno. E che un altro anno, di questi tempi, si possa festeggiare il pronto ritorno dei rosanero in serie A.

In serie B, nella 39^ giornata, il Trapani di Alessandro Calori ferma la sua rincorsa verso la salvezza, incassando a Frosinone la sedicesima sconfitta stagionale (1-0 il finale). A siglare la rete per i ciociari, che vale i tre punti, è il bomber di casa Dionisi all’11’. Mancano due giornate alla fine, ed è uno stop che fa meno male del previsto, per i risultati maturati sugli altri campi. Adesso, guardando la classifica, i granata sono stati risucchiati nuovamente all’interno della zona playout, ma la salvezza diretta dista solo due punti e sabato prossimo, al Provinciale, contro il Cesena, saranno chiamati a vincere, per giocarsi tutto nell’ultima sfida di Brescia. Saranno gli ultimi 180 minuti a decidere le sorti di questa stagione per i siciliani. Un grosso in bocca al lupo.

In lega Pro girone C, nell’ultima giornata di campionato il Messina conquista a Vibo Valentia una meritata salvezza grazie al pareggio per 0 a 0 sul campo della Vibonese. I biancoscudati conquistano la permanenza in Lega Pro al termine di un’annata infinita, fatta di tanti problemi societari, del closing della cordata Proto, di tante polemiche che hanno scalfito, ma mai messo in pericolo, il gruppo guidato da Cristiano Lucarelli, autentico condottiero di questa società. Traguardo meritatissimo per la società dello stretto che ha vissuto una stagione in mezzo a notevoli difficoltà e adesso può finalmente gioire per il grande carattere espresso nei momenti più delicati. La speranza è che la prossima stagione sia quella della definitiva consacrazione e della conseguente promozione nel campionato cadetto per questo gruppo che adesso può finalmente contare anche su una società forte ed organizzata.

Anche il Catania alla fine ce l’ha fatta. Raggiunto, non senza patemi, l’obiettivo minimo stagionale dei playoff. Contro la Casertana finisce 0-0. La squadra di Pulvirenti conquista l’ultimo posto utile per la fase successiva, grazie al pareggio tra Lecce e Andria (1-1) e alla vittoria dell’Unicusano Fondi contro il Catanzaro (2-1). I rossazzurri, però, devono dire grazie ancora al Matera. Lo scorso anno i lucani bloccarono il Monopoli e permisero agli etnei di salvarsi senza passare dai playout. Quest’anno la cavalcata in Coppa Italia della squadra della Basilicata, ha permesso agli etnei di conquistare l’accesso ai playoff. Adesso il Catania incontrerà domenica prossima la Juve Stabia…buona fortuna.

Sconfitta se non brutta sicuramente scomoda del Siracusa che perde in casa per 0-1 con la Virtus Francavilla, scivolando al sesto posto scavalcato proprio dai pugliesi. Entrambe le squadre chiudono quinte a quota 57 ma è il Francavilla a spuntarla, grazie agli scontri diretti a favore. Gli aretusei allora affronteranno la Casertana ai playoff, e nonostante tutto il sogno serie B per la squadra siciliana è ancora vivo.

Credevano di raggiungere la salvezza diretta, nell’ultima giornata del campionato, i ragazzi di mister Di Napoli. Invece, a causa del pareggio a reti bianche contro il Monopoli, la salvezza dell’Akragas, se arriverà, dovrà passare dai play out. La squadra di Raffaele Di Napoli infatti doveva vincere almeno 2 a 0 a Monopoli, ma pur giocando l’intero secondo tempo in superiorità numerica ha avuto sì almeno 3 occasioni nitide da gol, ma non è riuscita a segnare. Ed è proprio la mancanza di incisività in zona gol a dovere preoccupare di più anche in vista dello spareggio contro il Melfi.

Nell’ultima giornata, la 34^, della regular season del campionato di serie D girone I, l’Igea Virtus getta alle ortiche la possibilità di giocare i play off da assoluta favorita, giocando in casa i match più importanti della stagione. Mancavano solo 90 minuti perchè il miracolo secondo posto fosse completato dalla squadra di mister Raffaele, purtroppo oggi è andato tutto nel verso sbagliato, complicando non poco il futuro prossimo della squadra igeana. Infatti, quest’oggi, l’Igea Virtus ha perso 4-1 a Frattamaggiore e chiude la stagione regolare al quarto posto, in virtù delle vittorie di Rende e Cavese, che chiudono rispettivamente al secondo ed al terzo posto. Eppure la gara del “Pasquale Ianniello” si era messa bene per gli uomini del presidente Grasso, passati in vantaggio al 4′ con Longo, ma la reazione dei padroni di casa è stata veemente ed al termine dei primi 45 minuti erano già in vantaggio per 3 a 1( doppietta di Longo e Giacobbe ). Nella ripresa la reazione dei giallorossi non c’è stata con la Frattese che ha realizzato anche la rete del 4 a 1 ( Ausiello ). Adesso l’Igea Virtus nella semifinale dei play off sfiderà la Cavese al Simonetta Lamberti e sarà lo stesso una gran festa perchè, guai a dimenticarselo, quello fatto da questa società e da questi ragazzi in questa stagione è semplicemente un miracolo sportivo, mentre il Rende, per l’altra semifinale, affronterà tra le mura amiche il Gela. A parte la delusione per come è andata la partita, niente è perduto e guai a fasciarsi la testa. #CrederciSempreMollareMai.

Calcio siciliano – Il Messina brinda alla salvezza, l’Igea Virtus crolla sul più bello Ultima modifica: 2017-05-07T21:57:45+02:00 da CanaleSicilia