Home Sport Calcio Siciliano – Fondamentale vittoria per il Messina, l’Igea Virtus perde gara e primato

Calcio Siciliano – Fondamentale vittoria per il Messina, l’Igea Virtus perde gara e primato

2,487

Calcio Sicilianodi Lorenzo Scaffidi C. – Quinta domenica di gennaio contraddistinta da risultati altalenanti per le squadre siciliane impegnate nei campionati professionistici e dilettantistici.

Se da un lato Trapani, Messina e Catania si rilanciano nei rispettivi campionati con tre convincenti vittorie, ed il Palermo ottiene un punto fondamentale con il nuovo tecnico Diego Lopez , è una domenica decisamente negativa per l’Igea Virtus, che nel campionato di serie D, perde gara e vetta della classifica in terra calabra in casa del Sersale.

In serie A, Diego Lopez è il quarto allenatore che si siede, in questa stagione, sulla panchina rosanero. L’esordio fa ben sperare, infatti il Palermo ottiene al San Paolo di Napoli un ottimo pareggio contro una delle squadre più forti del campionato. Al gol di Nestoroski al 5′ del primo tempo, risponde Mertens per il Napoli al 65′. Partita dominata dal Napoli, fermato dal portiere del Palermo, Posevec, che ha blindato la porta rosanero, tranne che in occasione del gol del pareggio del Napoli, quando ha regalato, con un’autentica papera, il gol a Mertens. Bisogna dare atto al Palermo di aver giocato una gara ordinata, e con undici punti in classifica, i rosanero possono guardare con nuove speranze, anche alla luce della sconfitta dell’Empoli contro il Crotone, ad una salvezza ancora possibile seppur ancora lontana dieci punti. E la settimana prossima al “Barbera” arriva proprio il Crotone (davanti ai siciliani in classifica a quota 13) per un match che si preannuncia per i siciliani di vitale importanza.

In serie B il Trapani, finalmente dopo un girone d’andata pessimo, in queste ultime settimane sembra aver ritrovato la strada perduta. Seconda vittoria in due giornate e adesso la salvezza comincia ad assumere i contorni di impresa possibile. Merito soprattutto di mister Calori che ha saputo ridare ad i suoi uomini entusiasmo, e che alla salvezza ci ha sempre creduto, anche quando le cose andavano decisamente male. A Vercelli, gli amaranto ottengono un successo fondamentale, ancora una volta in rimonta come contro il Novara, grazie alle marcature di Pagliarulo, Barillà e Jallow che rispondono alla rete di La Mantia per il Pro Vercelli.

Adesso la zona playout dista cinque punti, ed ad una lunghezza più in là c’è la salvezza. Sarebbe un peccato mollare proprio adesso. Forza Trapani.

In Lega Pro girone C, fondamentale vittoria per il Messina di Cristiano Lucarelli che con una prova tutto cuore e volontà supera per 1 a 0 la quotata Juve Stabia.
La rete che decide l’incontro viene siglata da Nardini al 28′ del primo tempo. Al “Franco Scoglio” i biancoscudati cacciano fuori l’orgoglio ottenendo la vittoria più bella del campionato che rimarrà a lungo nella mente dei tifosi per l’impegno e la dedizione mostrata dai ragazzi della società dello Stretto. Merito di un uomo in particolare: Cristiano Lucarelli che in settimana ha caricato i suoi ragazzi, isolandoli da una situazione societaria certamente non facile. Una vittoria che vale molto più dei tre punti ottenuti in classifica ai fini della salvezza e che può risultare decisiva anche ai fini del cambio societario. Nella prossima settimana dovrebbe esserci l’incontro tra il presidente Stracuzzi e la nuova cordata calabrese interessata a rilevare la società. Speriamo sia la volta buona. Avanti così.
In Puglia finisce con un pareggio per 1-1 la sfida tra Monopoli e Siracusa. Una partita caratterizzata dal grande equilibrio tra le due squadre, come la stessa classifica dettava già alla vigilia, essendo distanziate l’una dall’altra di appena un punto. Entrambe le formazioni hanno un buon margine sulla zona play out e sembrano non poter ambire alla zona play off. Ne esce una partita caratterizzata dalla voglia di non farsi del male tra le due squadre ed al termine dei 90′ l’1 a 1 è il risultato più giusto che sembra accontentare tutti. Esposito all’11’ per il Monopoli ed Azzi per il Siracusa al 38′, i marcatori dell’incontro.

L’Akragas, reduce da una situazione societaria non facile con il patron, Marcello Giavarini, dimissionario e con un budget societario ridotto all’osso, ottiene in casa un buon pareggio contro il Fondi nonostante la formazione di mister Di Napoli sia orfana dei prezzi più pregiati, ceduti nel mercato invernale, e stracolma di tantissimi giovanissimi.

Finisce 2 a 2 all’Esseneto di Agrigento al termine di un match molto combattuto dalle due squadre, con il baby Sicurella che regala al 94′ un pareggio insperato agli agrigentini.

Di Russo al 9′ il vantaggio per l’Akragas, mentre la doppietta di Calderini al 72′ su rigore ed al 74′ aveva portato in vantaggio il Fondi, prima del pareggio all’ultimo secondo di Sicurella. Come per il Messina, anche qui bisogna trovare la giusta quadra in ambito societario con nuovi soci pronti ad investire nella società e poi concentrarsi su una salvezza, a questo punto della stagione, tutt’altro che sicura.

Il Catania al “Massimino” contro la Reggina ottiene la prima vittoria del 2017. Da parte della società rossazzurra è stato fatto tutto quanto era possibile fare nel mercato di gennaio, aquistando giocatori di categoria come Tavarez, Marchese e Baldanzeddu, adesso spetta a mister Rigoli ed ai suoi uomini portare la squadra a ridosso della zona play off per potersi giocare, nelle ultime giornate, la promozione nella categoria superiore.

E sono proprio i nuovi acquisti Tavarez al 4′ e Marchese al 32′ che nel primo tempo portano il Catania sul 2 a 0. Per la Reggina di Karel Zeman, riaccende le speranze Di Francesco al 37′ del secondo tempo, ma ad un minuto dal novantesimo Russotto fissa il risultato sul 3 a 1. Vittoria fondamentale per portare nuovo entusiasmo a tutto l’ambiente etneo, dopo le ultime prestazioni non proprio positive e per cercare di dare un senso a questo finale di stagione.
Intanto la società è pronta ad aquistare altri due pezzi da 90 come Pozzebon e Lodi. Avanti così.

In serie D, girone I, brutta sconfitta per l’ex capolista del torneo, l’Igea Virtus che viene sconfitta per 1 a 0 sul campo del fanalino di coda del girone, il Sersale. A decidere l’incontro una rete di Sgueglia al 5′ del primo tempo per i calabresi. In virtù di questa brutta sconfitta, dopo la 21^ giornata, gli uomini di mister Raffaele, quest’oggi fortemente rimaneggiati in difesa e centrocampo, perdono la prima posizione in classifica ai danni di un altra squadra siciliana, la Sicula Leonzio. Adesso in appena due punti ci sono ben quattro squadre, Igea, con una partita in meno, Rende, Cavese e Sicula Leonzio pronte a giocarsi la promozione diretta in Lega Pro.Sarà una dura battaglia per la squadra di Barcellona Pozzo di Gotto, ma ci auguriamo con tutto il cuore che possa spuntarla sulle dirette concorrenti e guadagnare una storica promozione. Questo non è il momento di perdere l’entusiasmo che fin qui ha caratterizzato la stagione straordinaria dell’Igea e di demoralizzarsi per la perdita della vetta della classifica. Crederci sempre, mollare mai. Sempre, forza Igea Virtus.

Calcio Siciliano – Fondamentale vittoria per il Messina, l’Igea Virtus perde gara e primato ultima modifica: 2017-01-30T12:41:28+01:00 da CanaleSicilia