Home ReNews Brolo – Riceviamo e pubblichiamo, un pò di satira non guasta!

Brolo – Riceviamo e pubblichiamo, un pò di satira non guasta!

5,435

Bruco

Brolo periferia dei Nebrodi

ReNewsDissolto il sogno di una cittadina moderna e accogliente, sepolte le velleità di grandeur dei suoi abitanti, definitivamente sopite le speranze di rinascita dopo il crollo economico-politico del comune, dimenticati i processi democratici che pur l’ancien regime aveva introdotto, non resta che fare i conti con una periferia arrabbiata e frammentata, senza più voglia di emancipazione. Tutto scorre nell’indifferenza ormai radicata nel cuore e nella mente dei brolesi: bis/ter/quater… nulla può cambiare un dissesto in più. Continuare a tacere è la strategia vincente! Tacere e portare pazienza ancora un po’, pensano gli Illuminati, anzi i folgorati sulla via di Bisanzio, ancora in preda ai postumi della caduta.

Meglio tacere, consigliano i più, sono implacabili e rancorosi, a che pro attirare i dardi funesti dei nuovi condottieri? Non risparmiano nessuno: chiesa, scuola, attività commerciali, abusivisti ed evasori! Si salvano solo se censiti nella cerchia. Attenti a facebook! Dopo l’approdo, con il verbo del sindaco di La Spezia, anche il primo cittadino, tra una dichiarazione e l’altra conta i like. A scuola ci è andata, altroché, ma non le hanno mai detto che non si copia. Deve tutto alla sua famiglia lei! Proprio tutto! Come avrebbe potuto rinunciare all’indennità altrimenti! Rinunciare nel senso di disporne per opere di “carità”. Lei lo aveva detto e scritto: Rinuncio! Non avevano compreso che intendeva “dal comune la prendo ma non ci mantengo la famiglia! Acquisto consenso, sponsorizzo le pagine facebook, quelle dove ci sono i miei comunicati. Così li leggono tutti e capiscono che il M5S non mi preoccupa affatto, anzi, se continuano a fare interrogazioni, non offro più il caffè, la tisana e i biscotti; li invito a cena nel baglio di mio cognato per dimostrargli come si fa la politica vera, quella con la P maiuscola.”

Nessuna obiezione da parte della minoranza e neanche dai mutanti! Scomparso lo scienziato! Il paese continua a tacere annichilito dallo squadrone. Si, squadrone, sostantivo selezionato dalla sindaca per presentare, sempre su facebook, il suo team di amministratori. E allora! Mica è pensabile che prima di scrivere ogni singola parola ci si interroghi sul significato. Squadrone è un bel gruppo, come quello delle frecce tricolore, che è piaciuto a tutti e farà vincere le elezioni, come quello fascista, come quello brasiliano, si, uno squadrone, selezionato ed allineato. Tutti per uno, uno per tutti! Lo squadrone capeggiato dal vice e dal presidente del consiglio non ne sbaglia una: niente più diretta streaming per le sedute del consiglio e neanche riprese non autorizzate: come osa la stampa aliena percorrere il sacro emiciclo? Silenzio! Tutti zitti, anche quei giovani scriteriati che in passato anelavano alla poesia e addirittura la desideravano al potere.

Silenzio! I cittadini sono accuditi come mai. Visite mediche a settimane alterne e pure l’uovo di Pasqua per i figli delle famiglie povere, anzi poverissime, quelle iscritte nel registro degli indigenti che ricevono gli alimenti dalla protezione civile. Uova di cioccolato omaggiati dall’assessore “di persona personalmente” e per provarlo articolo e foto prima della consegna. Ancora silenzio, anche da parte dei cattolici praticanti che conoscono il brano del vangelo di Matteo: “quando dunque fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Quando invece tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà”.

Lo squadrone non trascura nulla, neanche la cultura, e dunque fioriscono eventi, magari un po’sconnessi, che c’è di male, sono sempre eventi culturali a tutto campo, per tutti i gusti e a tutti i livelli. Il supervice monitora continuamente i consensi e rassicura: “Melo non partecipano perché la cultura è brutta, noiosa, non ha forme, dobbiamo pensare a qualcosa di nuovo”. Ecco la novità! “La festa di Primavera”, la fanno quasi in tutti i paesi, ma quella di Brolo è unica, con i bruchi e le farfalle. Che squadrone! Non ci avevano pensato neanche a Ficarra e dire che ne fanno un vanto delle loro coltivazioni del baco da seta. L’intero squadrone al lavoro su facebook a diffondere le ultime news! E ancora silenzio! Nessuno tema per il parere del Cga! A Brolo i bilanci non si fanno per una scelta politica oculata e condivisa da tutto lo squadrone:” da stupidi rischiare con gli esperti che abbiamo. Silenzio!

Non hanno voce le periferie. Silenzio di tomba! Ma che ve lo scrivo a fare!

ReNews 

Brolo – Riceviamo e pubblichiamo, un pò di satira non guasta! Ultima modifica: 2017-04-27T10:43:02+02:00 da CanaleSicilia