Home Attualità Brolo – Reclutamento revisori dei conti, un «pastrocchio» tutto siciliano

Brolo – Reclutamento revisori dei conti, un «pastrocchio» tutto siciliano

1,752

Tiziana VinciUna conferenza stampa alla sala multimediale di Brolo, organizzata dalla sezione provinciale di Messina dell’ANCREL (Associazione Nazionale Certificatori e Revisori degli Enti Locali) presieduta dalla dott.ssa Tiziana Vinci, per portare all’attenzione di media ed istituzioni politiche le criticità della normativa siciliana che regolamenta il reclutamento dei Revisori degli Enti Locali in Sicilia.

La conferenza, alla quale erano stati invitati tutti i deputati regionali, è servita per consegnare una lettera aperta indirizzata al Presidente Crocetta, al Presidente dell’ARS Ardizzone, all’assessore agli Enti Locali Lantieri ed a tutti i deputati ARS, con la quale si chiede un intervento urgente teso ad evitare che venga dispersa la professionalità dei Revisori siciliani che concorrono (unico caso in Sicilia) nei sorteggi con i Revisori di tutte le altre regioni italiane e che non saranno più stimolati a formarsi visto che non sono più richiesti requisiti di formazione specialistica, esplicitando anche alcune proposte migliorative.

LE INTERVISTE

CONFERENZA STAMPA INTEGRALE

[ – Leggi la lettera aperta dell’ANCREL – ]

Presente all’incontro il deputato locale di Area Popolare -Ncd, on. Nino Germanà, che raccogliendo l’appello dell’ANCREL ha provveduto a presentare un emendamento sul recepimento della normativa nazionale sui revisori dei conti “ perché non si può prescindere dal tener conto di alcune particolarità del nostro territorio, per cui è essenziale modificare alcune disposizioni”, afferma il parlamentare che, nei giorni scorsi, ha preso parte alla discussione relativa alla legge elettorale affrontata durante la seduta della prima commissione di cui fa parte.

Nino Germanà“L’argomento, purtroppo, non è stato trattato con l’attenzione che avrebbe meritato. Non si pensi sia un tema che interessa una categoria professionale, ridurlo a ciò sarebbe un errore. Va da sé che, essendo il revisore il massimo organo di controllo deputato a garantire il buon funzionamento dell’Ente, il suo ruolo è fondamentale nell’ottica della tutela della comunità. Sono convinto – anche se già sarebbe un’ottima cosa – sia necessario recepire immediatamente la normativa nazionale, agganciandoci alla riapertura dei termini degli emendamenti sulla legge elettorale. Dopodicchè, però, ci corre l’obbligo di studiare un disegno ad hoc che sia cucito addosso alle esigenze della Sicilia che, indubbiamente, fa storia a sé sotto molti aspetti.

Trovo ovvio, ad esempio, che i revisori vadano sorteggiati tra quelli presenti sul territorio siciliano così come avviene nelle altre regioni Italiane, e la ragione è semplice: come fa un professionista che non si trovi in loco, ad avere un quadro chiaro della situazione. Proprio la scorsa settimana a Furci Siculo è stato assegnato un revisore di Bologna. A prescindere dalla spesa onerosa per coprire gli spostamenti del professionista anche se c’è un tetto di spesa sui rimborsi,non comprendo come sia possibile si instauri un rapporto di confronto quotidiano con l’amministrazione, non trovandosi sul territorio quotidianamente”, conclude.

Brolo – Reclutamento revisori dei conti, un «pastrocchio» tutto siciliano ultima modifica: 2016-07-13T15:32:43+02:00 da CanaleSicilia