Home Politica Brolo – Nino Ricciardello e i “Sindaci di minoranza”

Brolo – Nino Ricciardello e i “Sindaci di minoranza”

823

Nino RicciardelloMi permetto, sommessamente, di far presente a me stesso che il 24,21% di votanti che ha scelto l’attuale Sindaco (corrispondente ad appena il 19,5% del corpo elettorale) è significativamente inferiore a quel 75,79% (corrispondente dall’80,5% del corpo elettorale) che ne avrebbe preferito un’altro e/o che comunque si è guardato bene dal votarlo.

L’attuale legge elettorale Siciliana consente, come nel caso di Brolo, l’elezione di Sindaci di “minoranza”, anche di forte minoranza. Strano ma vero e non di meno, legittimo. Punto. La legittimazione popolare, tuttavia, è un’altra cosa. Conterà di più o conterà di meno, secondo i punti di vista, ma resta un’altra cosa.

Schernire in veste di istituzione i “movimenti” o meglio, soltanto quei movimenti – non tutti in verità – portatori di democratica e legittima critica all’azione amministrativa, a mio modestissimo e sommesso parere, oltre ad apparire chiaro sintomo di debolezza è oltremodo increscioso sotto il profilo dell’atteggiamento democratico ed istituzionale.

Se poi nel sostenere che “i movimenti sono Associazioni politiche” si aggiunge e conferma anche che sono “soltanto” riferibili a “quelle liste che hanno perso le elezioni” (e pertanto rappresentativi della grandissima parte di quel 75,79% di votanti e del corrispondente dall’80,5% del corpo elettorale che NON avrebbe voluto l’attuale amministrazione) allora va da sé che lo scherno e le censure assomigliano al volo di un boomerang e non fanno altro che attestare, per bocca degli stessi amministratori, che ad oggi la maggioranza “nel palazzo” è ancora più minoranza nel paese…….

Absit iniuria verbis

Nino Ricciardello

(Pubblicazione autorizzata dall’autore)

Brolo – Nino Ricciardello e i “Sindaci di minoranza” ultima modifica: 2014-12-17T10:13:47+01:00 da CanaleSicilia