Home Politica Brolo – Nasce oggi il tavolo politico CAMBIA-MENTI

Brolo – Nasce oggi il tavolo politico CAMBIA-MENTI

468

Linda MarinoAbbiamo scelto la vigilia della giornata internazionale della donna per sottolineare che ogni conquista politica è figlia di un cambiamento ed è il risultato di una battaglia sociale e politica a cui noi ci apprestiamo, con l’orgoglio di chi riconosce all’intelligenza e all’onestà nessuna appartenenza se non quella a se stessa.

Affidiamo per questo la nostra visione attuale della politica alle parole della dott.ssa Luciana Savignone Presidente della Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2014. “…Da tempo assistiamo ad uno stravolgimento dei diritti costituzionalmente garantiti, cosicché avere un lavoro, non costituisce più un diritto, ma un privilegio… La classe politica non riesce a dare risposte concrete ai bisogni dei cittadini, occupandosi prevalentemente di se stessa e, sempre più spesso sottraendo ricchezza al Paese, depredando nei più diversi modi, ed in questo la realtà supera spesso la fantasia, le risorse pubbliche che dovrebbero essere destinate alla crescita…Nessuna giustificazione può addurre colui che, essendo un rappresentante politico, è un privilegiato. E’ un privilegiato, anzitutto, per essere stato scelto ad esercitare le più alte funzioni dello Stato ed ancora perché per affrontare le responsabilità dell’incarico…. gode di una retribuzione e di altri vantaggi economici certamente adeguati ai suoi bisogni.

Cambia-MentiLa corruzione della classe politica è dettata, allora, soltanto da una incontrollata smania di ricchezza e di potere. Essa non solo rappresenta un fenomeno detestabile e biasimevole dal punto di vista morale, ma costituisce una concausa determinante dell’impoverimento dell’intera nazione, per quello di cui ci si appropria ed ancora di più per ciò che, con le risorse sottratte, lo Stato sarebbe stato in grado di fare. ….I reati di corruzione, infatti anche quelli apparentemente di scarso rilievo, rendono più fertile il terreno su cui cresce e si sviluppa la delinquenza mafiosa,attraverso il perseguimento di interessi economici comuni, connivenze, reciproche protezioni. Anche all’interno della pubblica amministrazione molteplici vicende, aventi rilievo penale, hanno coinvolto dipendenti, mortificando ed umiliando coloro che con onestà e fatica si dedicano al lavoro. E’, allora, indispensabile che la politica e la pubblica amministrazione imparino ad amministrare e gestire se stesse, curando ,attraverso un rigoroso controllo interno, il rispetto delle stesse norme e delle regole che governano la loro attività, anticipando,se è possibile ,gli interventi da parte della magistratura, così da riacquistare credibilità nei confronti della cittadinanza ed impedire che si affermi”che sono i giudici a governare il Paese”. Occorre evitare che un amministratore una volta accertata la commissione di un illecito,venga confermato nelle funzioni o gli sia conferito altro incarico, così come il pubblico dipendente infedele dovrebbe essere rimosso dalle funzioni nello svolgimento delle quali ha commesso l’illecito. Ugualmente sarebbe necessario escludere, nella distribuzione delle cariche ,uffici e mansioni ,coloro che ,pur non avendo tenuto un comportamento penalmente rilevante,sono stati destinatari di sentenze definitive da parte di questo giudice contabile per aver male amministrato…” Il presidente continua sottolineando la funzione di garante dell’ufficio, delle risorse pubbliche e di stimolo a comportamenti virtuosi di accorto utilizzo del denaro, grazie anche alla condanna di coloro che sono stati raggiunti dalle sentenze di condanna di cui sopra al reintegro del patrimonio leso. In questa relazione della dott.ssa Savignone questo tavolo politico si riconosce e ritiene pertinente la stessa allo scenario politico che si è configurato a Brolo . Siamo convinti che sia necessario e ormai indefettibile un cambio di rotta ma che prima di profilare o confezionare nuove coalizioni, s’interroghi sulle ragioni e sulle cause che hanno condotto all’infausto epilogo degli ormai tristemente noti,”mutui fantasmi .In modo che accertate le stesse, non si ripetano gli errori del passato e si guardi al futuro, tracciando un nuovo cammino, su cui condurre il paese. La responsabilità politica è qualcosa di diverso dalla responsabilità giuridica e dalla stessa, non possono chiamarsi fuori, coloro che hanno da sempre creato ed implementato un sistema politico-amministrativo che oggi ha manifestato ,in danno all’immagine ed all’economia del paese, le sue gravi criticità.

Siamo altresì convinti che occorra lavorare anche sul fronte della” forma mentis “comune, fin troppo appiattita e ridotta a considerare “normale” ciò che normale non è per niente .Da qui la scelta del nome Cambia-Menti …Portatori di una nuova cultura in cui senza posizione giustizialiste, questo tavolo è disposto a confrontarsi con tutti coloro che, compresa la lezione, estrapolino la giusta morale per riscrivere una nuova storia per Brolo. Il portavoce Linda Marino.

Brolo – Nasce oggi il tavolo politico CAMBIA-MENTI ultima modifica: 2014-03-08T11:00:29+01:00 da CanaleSicilia