Home Politica Brolo – L’opposizione interroga l’amministrazione sul decreto 35 – seconda rata

Brolo – L’opposizione interroga l’amministrazione sul decreto 35 – seconda rata

684

Uniti Per Brolo Gruppo ConsiliareAl Sindaco

del Comune di BROLO

 

Al Segretario Comunale

del Comune di BROLO

 

 

 

Oggetto: interrogazione anticipo delle erogazioni a saldo d.l. 31 agosto 2013 n. 102.

Premesso che

  • L’emanazione del decreto-legge 8 aprile 2013 n. 35 , fra le altre cose, permetteva agli Enti Locali di ottenere dallo Stato una anticipazione di liquidità per assicurare i “pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili maturati alla data del 31 dicembre 2012, ovvero dei debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro lo stesso termine”.
  • il Comune di Brolo faceva a tal proposito una richiesta come anticipazione di liquidità di euro 5.222.642,50 (!!!) ottenendo come importo ammesso la somma di euro 3.264.203,50, (erogabile in due tranche, giugno 2013 – febbraio 2014) da restituire in 30 anni.
  • Successivamente il Governo Letta emanava il D.L. 31 agosto 2013 n. 102, nel quale si dava la possibilità agli enti locali di poter richiedere l’anticipo delle erogazioni a saldo (originariamente previste appunto il 28 febbraio 2014)  entro il 10 ottobre 2013, con un inizio ammortamento che comunque sarebbe rimasto invariato al febbraio 2015

Considerato che

  • Questa scelta fatta dal legislatore aveva, evidentemente, lo scopo di dare in tempi rapidi, in un periodo di così grave crisi economica, una boccata di ossigeno per i tanti, troppi, creditori degli enti locali, come quelli del nostro Comune, vedi aziende, imprese, artigiani, liberi professionisti ecc ecc.
  • a seguito di alcune specifiche richieste verbali, fatte da un componente del nostro gruppo consiliare al responsabile dell’ufficio finanziario del nostro ente, si è appreso con sincera incredulità che la nostra Amministrazione Comunale non ha prodotto la richiesta per ottenere l’anticipo delle erogazioni a saldo.

Tutto ciò premesso e considerato, i sottoscritti consiglieri comunali

INTERROGANO

le.SS.VV. per conoscere:

  • se quanto affermato dal responsabile del servizio finanziario corrisponde al vero, e cioè che il nostro Ente non ha ritenuto opportuno richiedere l’anticipazione dell’erogazione a saldo delle somme relative al decreto 35;
  • qualora questa informazione corrisponda al vero, quali sono i motivi per cui non è stata fatta tale richiesta, considerando che l’anticipo delle erogazioni a saldo non avrebbe comportato alcun aggravio di spese sugli interessi, né tantomeno una anticipazione dell’inizio della rata di ammortamento.
  • Se la mancata richiesta non celi problematiche di altra natura con CDP, considerato che la somma di euro 3.264.203,50 compare per INTERO nel fantasmagorico bilancio di previsione da oltre 12 milioni (!!!!) di euro approvato solo pochi giorni fa dalla Giunta Municipale.

Brolo lì 25/11/2013

I Consiglieri Comunali del gruppo
“Uniti per Brolo”

Brolo – L’opposizione interroga l’amministrazione sul decreto 35 – seconda rata ultima modifica: 2013-11-25T13:56:04+01:00 da CanaleSicilia