Home Attualità Brolo – “Bisogna andare avanti dopo il colpo di grazia dell’Unicredit”

Brolo – “Bisogna andare avanti dopo il colpo di grazia dell’Unicredit”

795

Pio La TorreNonostante la pesante eredità occorre andare avanti e reagire con tutti i mezzi legali al colpo di grazia che il tesoriere unicredit intende assestare!

In poco meno di sei mesi “Non si puo’ rimediare ai gravi guasti della quasi ventennale amministrazione Laccoto-Messina”.

Chiunque sia intellettualmente onesto dovrebbe riflettere su questa ovvia constatazione.

Chi viceversa filosofeggia anche sugli effetti devastanti (per l’ambiente) del “punteruolo rosso” potrebbe in privato porsi problematiche ben più utili per il futuro della comunità Brolese.

Ciò posto ritengo utile per il paese pormi e porre alcuni interrogativi.

Convinto sempre più che stante la situazione dei conti e finanziaria estremamente pesante per i CITTADINI BROLESI, alcuni segnali da parte dell’Amministrazione siano doverosi.

Quale è stata la reale responsabilità delle banche e del tesoriere UNICREDIT nella vicenda dei mutui in particolare?

Non sarebbe utile e conducente chiamare il tesoriere UNICREDIT ex Banco di Sicilia alle proprie responsabilità nelle competenti sedi giudiziarie?

Tesoriere che con la nota del 10.12. 2014 del centro Public Sector Sicilia di Unicredit Banca spa intende rifarsi una reputazione a danno della comunità brolese.

Non sarebbe necessario ed urgente garantire al paese la sicurezza dal rischio costituito dai Torrenti il cui alveo sovrasta il centro urbano e garantire in sicurezza il deflusso delle acque del burrone Pozzo?

Perché non chiedere e/o disporre rigorosi controlli in corso d’opera per la zona degli insediamenti produttivi di Sirò evitando al comune ulteriori danni ed il rischio di una deforme opera incompiuta oggi coperta da sterpaglie e costata una montagna di soldi?

Considerato che Comuni a noi molto vicini tra cui Gioiosa Marea e Capo D’Orlando smaltiscono i propri rifiuti solidi urbani con la differenziata e con la raccolta controllata e che la DISCARICA DI MAZZARRA’ S. ANDREA è fuori legge e sequestrata, considerato anche che i costi del trasporto ad altre discariche ( più lontane) saranno oggettivamente più alti anche per i cittadini Brolesi, cosa occorre ancora perché Brolo SMALTISCA i propri R.S.U con la differenziata in modo più economico per i cittadini e meno inquinante per l’ambiente anche con significativi incentivi e vantaggi per chi conferisce?

Perché molti marciapiedi nonostante ripetute segnalazioni verbali sono a tutt’oggi occupati da “OGGETTI VARI” rendendo pericolosa la circolazione pedonale ?

Quali provvedimenti l’Amministrazione intende assumere per rimuovere, ad esempio, le transenne poste sul marciapiedi della centrale via V. Emanuele quasi di rimpetto a City Poste ed altri baracconi vari che ingombrano la carreggiata stradale ?

Con il sincero intendimento di incoraggiare chi di dovere a compiere atti doverosi anche se a volte impopolari.

Brolo lì 12/12/2014

Per l’Associazione Pio La Torre
Ing. Pippo Natoli

Brolo – “Bisogna andare avanti dopo il colpo di grazia dell’Unicredit” ultima modifica: 2014-12-15T14:40:25+01:00 da CanaleSicilia