Home Politica Brolo – Alla sala “Rita Atria” si è discusso di gioco d’azzardo

Brolo – Alla sala “Rita Atria” si è discusso di gioco d’azzardo

1,587

Gioco d'azzardo Brolo“Siamo davanti a un male sociale che non solo rischia di distruggere intere famiglie e le future generazioni, ma ha il potenziale di distruggere l’intero tessuto sociale di un paese, portandolo ai limiti del collasso e di affossarne definitivamente l’economia”.

di Lorenzo Scaffidi C. – Con questo monito di Padre Enzo Caruso, aveva lanciato l’allarme sociale del gioco d’azzardo confermato dal recente database “L’Italia delle Slot” che rivelava aspetti inquietanti.

Esattamente, il dato è quello del 2016, 2,08mln di euro sono stati spesi per le macchinette che per un paese, Brolo, che contava una popolazione di 5.739 abitanti, con un reddito pro-capite pari a 13.659 euro, determina statisticamente che ogni brolese si è giocato 361 euro.

Dati inquietanti che pongono il gioco d’azzardo come un problema che non può essere più rimandato in quanto necessita di essere affrontato di petto.

Gioco d'azzardo BroloE l’icontro promosso, lunedì sera, presso la sala multimediale “Rita Atria”, dalla locale parrocchia MM.SS. Annunziata, con il patrocinio dell’Amministrazione locale, ha voluto proprio accendere i i fari dell’attenzione sul fenomeno sempre più diffuso della ludopatia che a Brolo, e non solo, determina situazioni sempre più gravi che incidono pesantemente sulla vita familiare e del tessuto sociale.

L’incontro – dibattito è iniziato da subito con la presenza del Mago Salvin, che, con i suoi strabilianti giochi di carte, ha dimostrato ai presenti come il “baro” vinca sempre.

Subito dopo l’assistente sociale del Comune, Daniela Tumeo, le psicologhe Adelaide Merendino e Maria Luisa Pomo e la sociologa Enza Caputo, da tecniche del settore, hanno spiegato quali sono le cause e le conseguenze che portano sempre più gli uomini ad affidarsi al gioco d’azzardo. Dai vari interventi che hanno coinvolto più persone della società civile brolese, è emersa la drammaticità del problema e da parte di tutti si è ribadita la necessità di tenere i fari e l’attenzione ben accesa sul problema.

Chiesa, Amministrazione Comunale e cittadini comuni, questa sera, hanno ribadito il loro no al gioco d’azzardo. Sembra un buon inizio, ma guai a pensare che la guerra sia già vinta.

Brolo – Alla sala “Rita Atria” si è discusso di gioco d’azzardo ultima modifica: 2018-02-06T08:05:38+01:00 da CanaleSicilia