Home Politica “Basta tagli ai Comuni”, il M5S scrive ai sindaci d’Italia

“Basta tagli ai Comuni”, il M5S scrive ai sindaci d’Italia

824

Tagli ai Comuni“Basta tagli che strangolano l’economia che rischiano di azzerare il welfare e penalizzare le fasce sociali più deboli”. Il M5S lancia un appello ai sindaci d’Italia per dire basta al “massacro sistematico” che il governo attuale sta portando avanti. E lo fa con una lettera che invita i primi cittadini a sottoscrivere una mozione alla Camera, a prima firma Di Maio, che tra l’altro punta a ripristinare integralmente i trasferimenti tagliati con la legge di stabilità per il 2015 e a garantire ai Comuni le risorse necessarie all’espletamento dei servizi sociali essenziali.

“Fino a un certo punto – si legge nella lettera –  si poteva parlare di giusta esigenza di tagliare gli sprechi e le spese improduttive. Ma adesso  la misura è colma. Da qualche anno è partito un massacro sistematico, un’opera di smantellamento che il governo attuale sta portando a compimento”. 
L’appello è rivolto anche ai sindaci siciliani dai deputati  Nuti e Cancelleri, consapevoli che l’economia dell’isola è  pressoché strangolata.

Nuti ha anche inviato l’invito ai sindaci via twitter, linkando la lettera del Movimento.

Il testo della lettera:

“Caro Sindaco,
fino a un certo punto si poteva parlare di giusta esigenza di tagliare gli sprechi e le spese improduttive. Ma adesso, hai ragione, la misura è colma. Da qualche anno è partito un massacro sistematico, un’opera di smantellamento che il governo attuale sta portando a compimento. 
 Il M5S conosce bene il valore del tuo ruolo di collegamento tra le istituzioni e i cittadini. Ma soprattutto apprezza il lavoro quotidiano sui problemi veri della gente e la difesa dei diritti dei più deboli.
Negli ultimi anni, i governi centrali, nell’operare tagli per contenere la spesa pubblica, hanno di fatto strangolato l’economia degli enti locali. E’ molto facile e demagogico vantarsi di ridurre la pressione fiscale ridimensionando i trasferimenti agli enti territoriali, ma con l’ultima Legge di Stabilità l’esecutivo in carica ha fatto carne da macello dei bilanci comunali, compromettendo persino le spese essenziali per il welfare e le fasce sociali più deboli.
Nei 5 anni appena trascorsi, e lo sai bene, i Comuni hanno visto ridursi le proprie risorse disponibili per la spesa corrente di oltre il 20 per cento e adesso sono a rischio i servizi primari. 
In più pesa l’incertezza di regole fiscali che mutano ogni anno. Ciò rende pressoché impossibile strutturare una programmazione pluriennale seria e chiudere persino il bilancio preventivo entro la data prevista dalla legge, ovvero il 31 dicembre.
Il MoVimento 5 Stelle ha presentato in Parlamento una mozione, a prima firma Luigi Di Maio, che sarà discussa la prossima settimana e che impegna questo governo di ciarlatani a:
1) ripristinare integralmente i trasferimenti tagliati con la Legge di Stabilità per l’anno 2015;
2) non effettuare ulteriori riduzioni negli anni futuri, almeno finché lo sforzo delle amministrazioni centrali non sarà proporzionato a quello degli enti locali;
3) garantire in ogni caso, anche agli enti locali in dissesto, i trasferimenti necessari all’espletamento dei servizi sociali essenziali;
4) garantire agli enti locali i tempi necessari per una programmazione stabile e seria;
5) non ridurre i trasferimenti a disposizione degli enti locali nell’esercizio in corso e a non assumere iniziative per la modifica delle norme sulla fiscalità locale.
Caro Primo Cittadino, sicuri della tua sensibilità, ti invitiamo nel frattempo ad adottare e approvare i contenuti di questa mozione attraverso l’organo rappresentativo del tuo Comune. Qualcuno dei tuoi colleghi lo ha già fatto. 
Ci piacerebbe, inoltre, che tu potessi presenziare in aula, alla Camera dei deputati, nel giorno in cui la mozione M5S arriverà al voto (settimana prossima prende avvio la discussione).
Cordiali saluti”

MoVimento 5 Stelle

“Basta tagli ai Comuni”, il M5S scrive ai sindaci d’Italia ultima modifica: 2015-04-23T22:10:00+02:00 da CanaleSicilia