Home Politica Arrestato Vincenzo Maruccio sperperava i fondi IDV al videopoker e pure i soldi della nonna

Arrestato Vincenzo Maruccio sperperava i fondi IDV al videopoker e pure i soldi della nonna

683

Arrestato Vincenzo Maruccio sperperava i fondi IDV al videopoker e pure i soldi della nonnaLa Guardia di Finanza ha arrestato a Roma Vincenzo Maruccio, l’ex capogruppo dell’Idv al Consiglio regionale del Lazio. E’ accusato di peculato per essersi appropriato di circa un milione di euro dei fondi destinati al partito. Nel provvedimento notificato al consigliere si fa cenno anche alla sua ossessione per i videopoker presso i quali ha sperperato ingenti somme: si parla di perdite fino a 100mila euro.

La misura cautelare è stata firmata dal gip Flavia Costantini su richiesta del Procuratore aggiunto Nello Rossi e del sostituto Stefano Pesci. “Sistematica spoliazione” dai conti dell’Idv ed “attività predatoria di risorse pubbliche”, scrive il gip Costantini nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Maruccio era un assiduo frequentatore di una sala giochi di Roma e uno dei soci risulta essere proprio Andrea Palma, già tesoriere dell’Idv Lazio prima che il partito laziale fosse commissariato, subito dopo lo scandalo fondi. Nel periodo in cui Maruccio frequentava la sala, ha raccontato Palma ai pm in un interrogatorio i cui stralci sono riportati nell’ordinanza, perse “cifre importanti e considerevoli che potrebbero ammontare anche a 100mila euro”.

“Prendeva persino i soldi della nonna”
Maruccio viene descritto dal gip come “una persona perennemente pressata dalla necessità di reperire denaro”, necessità cui sopperì perfino prendendo i risparmi della nonna, come si legge nell’ordinanza dell’arresto. “Pur percependo cospicui introiti come consigliere regionale”, Maruccio era sempre in cerca di denaro che veniva “reperito da “svariate fonti: sale giochi, tabaccherie, parenti, quali la madre che dalla Calabria, a suo dire, gli inviava con l’autobus i risparmi della nonna e amici vari, alcuni calabresi”.

Tra questi “amici”, dai quali reperiva denaro, figura anche una ex convivente di Maruccio che lo avrebbe aiutato “economicamente addirittura facendo la cessione di un quinto dello stipendio”. Per questa donna l’ex esponente Idv avrebbe, con soldi del partito, pagato “il canone di locazione dell’appartamento che le era in uso mediante un assegno di 5.400 euro”. Secondo il gip nel reperimento di soldi, l’ex capogruppo “non ha esitato a violare ogni regola, sia quelle sulla circolazione del contante, sia quelle sulla negoziazione degli assegni”.

In carcere per trenta giorni
La misura dell’arresto in carcere per Maruccio ha la durata di 30 giorni. A seconda delle esigenze istruttorie tale termine, previsto dal codice di procedura penale per i provvedimenti scaturiti dal pericolo di inquinamento probatorio, può essere rinnovato.

Dove sono finiti quei soldi
I soldi sottratti sono stati trasferiti, secondo l’accusa, da Maruccio su dieci conti correnti di cui risulta titolare presso alcune banche. Sette di questi conti sono personali mentre altri tre in codelega.

Alla base dell’ordinanza di custodia il pericolo di inquinamento delle prove. Nei due interrogatori ai quali è stato sottoposto nelle scorse settimane Maruccio aveva sempre respinto l’accusa di peculato sostenendo che le somme di denaro transitate dal conto Idv sui suoi dieci personali erano state utilizzate solo per finalità politiche.

Arrestato Vincenzo Maruccio sperperava i fondi IDV al videopoker e pure i soldi della nonna ultima modifica: 2012-11-14T09:45:33+01:00 da CanaleSicilia