Home Cronaca Ardizzone: «L’aggressione al sindaco di Raccuja colpa del clima di odio contro i politici»

Ardizzone: «L’aggressione al sindaco di Raccuja colpa del clima di odio contro i politici»

1,412

Giovanni Ardizzone - Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana“La tentata aggressione, da parte di un cittadino armato di fucile, nei confronti del sindaco di Raccuja è il frutto del clima di istigazione all’odio nei confronti della classe politica e soprattutto degli amministratori locali. Nessuno può dirsi innocente, oggi gli attacchi, indiscriminati e ingiustificati, a sindaci e consiglieri comunali sono diventati una costante e il risultato è evidente”.
Lo dichiara il presidente dell’ Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, commentando il gesto dell’anziano che stamattina dopo essere entrato armato nella stanza del sindaco del comune nebroideo, Francesca Salpietro, ha sparato un colpo di fucile in aria, prima di essere bloccato e poi fermati dai carabinieri.

“Non può bastare – continua Ardizzone – la sola solidarietà. Oggi gli amministratori locali rischiano quotidianamente la propria vita e nonostante ciò vengono additati come esempio di casta e beneficiari di privilegi e indennità faraoniche. Non è la prima volta che un sindaco resta vittima del gesto di un folle, la cui mano è stata armata da una sequela di accuse fuori luogo e inopportune. Speriamo che l’episodio di stamattina porti un po’ di buon senso, invitando tutti a dichiarazioni più sensate”.

I fatti:

CarabinieriNella tarda mattinata di oggi, Martella Alberto Cosmo, pensionato, ex dipendente comunale a Raccuja, classe 1948, senza precedenti di polizia, a suo dire esasperato poiché da dieci mesi non percepiva la pensione, è entrato al Comune di Raccuja e si è diretto verso l’ufficio del Sindaco. Alcuni dei presenti avrebbero cercato di bloccarlo mentre era nel palazzo municipale, ma l’uomo è riuscito comunque ad entrare nella stanza del primo cittadino brandendo un’arma. L’uomo aveva con sé un fucile da caccia carico legittimamente detenuto, 100 cartucce, un coltello ed anche un macete.

Dopo essere entrato nella stanza del primo cittadino, il Martella ha minacciato con il fucile l’attuale Sindaco Salpietro Damiano Francesca e suo padre, nonché ex Sindaco di Raccuja, Salpietro Damiano Cono che in quel momento si trovava nell’ufficio con la figlia.

Alcuni dipendenti comunali che hanno assistito alla scena, non appena hanno intuito le intenzioni del pensionato, hanno fatto il possibile per bloccarlo. Durante la colluttazione, è partito un colpo dal fucile imbracciato dall’uomo, che non ha colpito nessuno andandosi a conficcare nel tetto.

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Raccuja unitamente a quelli delle Stazioni limitrofe sono intervenuti immediatamente, bloccando il sessantasettenne e disarmandolo.

Allo stato attuale il Martella è stato tratto in arresto per porto illegale di armi, porto abusivo di armi e di strumenti atti ad offendere e minaccia aggravata.

L’uomo, dopo le formalità di rito, su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Patti, è stato condotto presso la propria abitazione a Raccuja dove è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo dinnanzi al Giudice del Tribunale di Patti, che si terrà nella mattinata di domani.

 

 

 

Ardizzone: «L’aggressione al sindaco di Raccuja colpa del clima di odio contro i politici» ultima modifica: 2015-07-10T18:01:22+02:00 da CanaleSicilia