Home Politica Ardizzone – «Chiedo scusa ai diretti interessati e agli elettori»

Ardizzone – «Chiedo scusa ai diretti interessati e agli elettori»

539

On.le Giovanni ArdizzonePalermo – Il “coming out istituzionale” (come lui stesso lo ha definito) del Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Giovanni Ardizzone (UDC), che in una intervista rilasciata oggi all’Agenzia adnkronos ha chiesto scusa per alcuni suoi atti del passato, è certamente un caso raro nel panorama politico. Certamente in quello italiano.

Tanto da meritarsi il commento a dir poco entusiasta del deputato regionale Angelo Filuccia, che ha parlato di “un grandissimo coraggio, che testimonia altissimo spessore istituzionale e fa onore ” (la sede della Presidenza ARS, ndr).

Ma andiamo con ordine.

Stamattina le redazioni regionali hanno potuto leggere una intervista che Presidente Ardizzone ha rilasciato all’Agenzia di stampa adnkronos, nella quale non soltanto affronta diversi temi della difficile attualità politica isolana ma anche racconta aneddoti della sua esperienza sullo scranno più alto di Palazzo dei Normanni.

Fra questi episodi, Ardizzone ne racconta anche uno sconosciuto ai più e che appunto lo porta oggi a “chiedere scusa ai diretti interessati e agli elettori.”

Il riferimento è ad una lettera che lo stesso Ardizzone inviò poco dopo l’inizio della sua presidenza a tutti i capigruppo dell’ARS. In quella nota Ardizzone invitava a non rendere pubblici alcuni documenti il cui contenuto avrebbe potuto evidenziare comportamenti poco corretti o poco lineari da parte di deputati o di alti burocrati dell’ARS. Comportamenti che – scrisse allora Ardizzone – “espongono l’ARS e i componenti del Consiglio di Presidenza a contenziosi legali.”

“Quell’invito fu certamente un errore ed un atto di leggerezza – afferma oggi Ardizzone – a maggior ragione perché i documenti in questione erano parte integrante, anzi erano la base su cui si basavano alcune decisioni del Consiglio di Presidenza. Non renderli pubblici, come stabilito in decine di sentenze dei TAR, del CGA e del Consiglio di Stato, è stato un errore e ancor di più una violazione di quella filosofia del “Palazzo di vetro” cui ho improntato la mia azione da Presidente dell’Assemblea. Oggi non posso che chiedere scusa ai diretti interessati e a tutti i miei elettori, che sapranno apprezzare la mia sincerità.”

A commentare il tutto è ancora una volta Angelo Filuccia che dismette per una volta i panni del fustigatore di costumi e afferma che “oggi è il primo di aprile e una parte di quello che è scritto in questo comunicato è ovviamente uno scherzo. Una parte.”

Ardizzone – «Chiedo scusa ai diretti interessati e agli elettori» ultima modifica: 2015-04-01T13:48:40+02:00 da CanaleSicilia