Home Politica Approvata la bozza dello Statuto comunale dall’esecutivo pattese, si continua ad esaminare

Approvata la bozza dello Statuto comunale dall’esecutivo pattese, si continua ad esaminare

559

Consiglio Pattidi Gabriele Villa – La prima commissione consiliare (affari generali, attività produttive e sviluppo economico, personale), presieduta dal Francesco Arrigo e composta da Luca Musmeci, Enza Stroscio, Filippo Tripoli e Natalia Cimino, sta proseguendo con l’esame della nuova bozza dello Statuto comunale già approvato dall’esecutivo pattese.

I consiglieri, mercoledì scorso, hanno continuato ad analizzare i vari articoli, ma non hanno concluso lo studio sullo schema del documento e per questo nelle prossime settimane la commissione tornerà a riunirsi.

Emergono, però, le prime ipotesi di correttivo alla bozza esitata dall’esecutivo guidato dal sindaco Mauro Aquino che saranno poi riassunte in emendamenti che dovranno essere votati dal consiglio comunale. Infatti l’atto normativo che disciplina l’ordinamento dell’Ente, per diventare esecutivo, dovrà passare al vaglio del civico consesso per l’approvazione definitiva. L’assemblea cittadina, in prima votazione, avrà bisogno dei voti favorevoli dei due terzi dei componenti dell’assise. Se, in prima battuta, non si raggiungerà il quorum previsto, nei trenta giorni successivi, l’assemblea potrà approvarlo con la maggioranza assoluta.

Dai lavori della commissione emergono due aspetti fondamentali che caratterizzeranno il nuovo Statuto. Il primo riguarda la previsione, nel testo, che tutte le sedute delle commissioni consiliari sono pubbliche. Un aspetto questo già normato dalla legge ed applicato nel corso del passato mandato amministrativo, ma che, non era ben specificato nel nuovo documento. Altra novità riguarda la modifica del valore dell’astensione nelle votazioni del civico consesso. In base al regolamento comunale attualmente ha solo valore per la determinazione del numero legale e non influenza l’esito della votazione. Nella nuova previsione, invece, sarà equiparata al voto contrario. Tale novità, adesso, è stata condivisa anche dall’opposizione consiliare che, attraverso il consigliere Filippo Tripoli, ha chiesto, dopo l’approvazione dello Statuto anche la modifica del regolamento comunale.

Tra le altre novità le maggiori riguardano la carica del presidente del consiglio. Cambierà, infatti, la modalità di elezione. Dopo la prima votazione in cui è necessaria la maggioranza assoluta, con il nuovo atto, in seconda battuta sarà sufficiente la maggioranza semplice. Con le stesse modalità sarà anche eletto il vice presidente del consiglio. Inoltre sarà introdotta anche la mozione di sfiducia per il presidente. La richiesta di revoca motivata dovrà essere iscritta all’ordine del giorno del civico consesso entro 10 giorni e votata per appello nominale ed approvata da almeno i due terzi dei componenti del consiglio. In caso di voto favorevole diviene immediatamente esecutiva e, l’assemblea, nella stessa seduta dovrà procedere con nuove elezioni.

I tempi per l’approvazione del nuovo testa non saranno comunque brevi nonostante i lavori della commissione stiano procedendo velocemente e di comune accordo tra maggioranza ed opposizione. Prima del passaggio in consiglio comunale, su richiesta del consigliere Filippo Tripoli, il testo sarà sottoposto all’attenzione delle parti sociali, delle associazioni e delle forze politiche rimaste escluse dopo l’ultima tornata elettorale. “L’obiettivo – ha spiegato Tripoli – è quello che lo Statuto sia condiviso da tutti e, la strada intrapresa, è quella giusta”.

Approvata la bozza dello Statuto comunale dall’esecutivo pattese, si continua ad esaminare Ultima modifica: 2017-01-08T18:48:21+01:00 da CanaleSicilia