Home Politica ANCI Sicilia – I numeri di una crisi strutturale del sistema delle Autonomie Locali

ANCI Sicilia – I numeri di una crisi strutturale del sistema delle Autonomie Locali

1,151

AnciSicilia

Le risorse finanziarie dei Comuni
siciliani tra il 2009 e il 2015

I numeri di una crisi strutturale del sistema delle Autonomie Locali in Sicilia. Ancora una volta anche la Corte dei Conti – Sezione di controllo per la Regione Siciliana con l’indagine su “La finanza locale in Sicilia 2013-2014” (Deliberazione n. 164/2015/INPR) conferma la grave crisi in cui versano gli enti locali siciliani dimostrando come il peggioramento della finanza locale sia, sempre più, “imputabile principalmente alla progressiva e consistente riduzione dei trasferimenti di provenienza statale e regionale”.

L’AnciSicilia da oltre due anni evidenzia come quanto asserito dalla Corte dei Conti dimostri lo stretto nesso causale esistente tra diminuzione delle risorse derivate e l’aumento delle aliquote dei tributi locali. In particolare, l’analisi dei dati conferma che per i Comuni i trasferimenti regionali agli enti locali, che fino al 2013 è avvenuta attraverso il Fondo delle Autonomie Locali, sono passati dai 913 milioni di euro del 2009 ai circa 560 milioni di euro del 2013.

I dati forniti dalla Corte dei Conti non tengono conto degli ulteriori tagli previsti nel 2014 e di quelli collegati alla Legge Regionale di stabilità finanziaria del 2015. Per tale  ragione si è ritenuto utile darne conto negli allegati quadri riepilogativi.

Relativamente alle spese correnti, con il Fondo Perequativo nel 2014 sono stati, infatti, assegnati ai Comuni quasi 368 milioni di euro, mentre nel 2015 ci si ferma a poco più di 340 milioni di euro con un decremento che si attesta intorno al 10 per cento nel solo ultimo anno.

Per ciò che riguarda il Fondo Investimenti si è invece passati dai circa 134 milioni di euro del 2014 ai 112 milioni del 2015. Si tratta di un trend che si è confermato  costantemente negli anni e che, di fatto, ha contribuito ad aumentare notevolmente la pressione fiscale ed a ridurre a danno dei cittadini i servizi con gravi ripercussioni in alcuni casi anche di ordine pubblico.

Ma la situazione non migliora se si prendono in considerazione i trasferimenti nazionali che la Corte dei Conti ha analizzato attraverso i dati forniti dalla Banca d’Italia (banca dati SIOPE): nel triennio 2011-2014 i trasferimenti erariali sono passati da un miliardo e 400 milioni del 2011 ai 378 milioni di euro del 2014.
Alla luce di questa breve analisi si comprende con chiarezza quale sia stata la portata degli interventi posti in essere dal legislatore nazionale e regionale e quanto possa essere stato significativo l’impatto sui bilanci comunali.

Con riferimento all’ambito regionale si deve registrare come, se pur il taglio dei trasferimenti sia stato minore rispetto a quanto avvenuto a livello nazionale, la riduzione delle risorse in favore degli Enti Locali non sia stata accompagnata da alcun intervento strutturale e di riforma che potesse consentire una riduzione della spesa.

Esempio evidente di ciò è la situazione di stallo che caratterizza le riforme sul sistema integrato dei rifiuti e delle acque e l’incidenza sui bilanci comunali di costi come quello collegato al conferimento in discarica dei rifiuti.

A tutto ciò si aggiungano i costi diretti ed indiretti derivanti dal caos generato dall’assenza di riferimenti istituzionali con riguardo a liberi consorzi e città metropolitane.
Nell’insieme il quadro che emerge, anche alla luce dei non confortanti dati sui livelli di riscossione dei tributi locali, è quello di un sistema delle autonomie locali che si è trovato, nel giro di pochissimi anni, di fronte a tagli mai registrati nei decenni precedenti. Tali tagli hanno portato al tramonto di un sistema imperniato sulla finanza derivata senza che il nuovo modello, fondato sulla finanza locale, fosse accompagnato da misure di transizione adeguate.

Il cambiamento è stato traumaticamente veloce e, anche a seguito del’entrata in vigore della Riforma sull’armonizzazione contabile, rischia di rendere più fragili le istituzioni locali in una fase storica in cui paradossalmente c’è ancora più bisogno di riferimenti credibili sul territorio.

QUADRO DELLE RISORSE REGIONALI
TRASFERITE AI COMUNI SICILIANI
TRA IL 2009 E IL 2015

Anci Sicilia Tab 1La flessione dei trasferimenti regionali nel periodo 2009/2015 ̬ pari al Р48%

 

RISORSE REGIONALI TRASFERITE AI COMUNI SICILIANI
TRA IL 2009 E IL 2015: Spese di parte correnti e per investimenti

Anci Sicilia Tab 2La flessione dei trasferimenti regionali nel periodo 2009/2015 ̬ pari al Р48%

 

QUADRO DELLE RISORSE NAZIONALI
TRASFERITE AI COMUNI SICILIANI
TRA IL 2011 E IL 2014

Anci Sicilia Tab 3

La flessione dei trasferimenti nazionali nel periodo 2011/2014 è pari al -73.5%

 

QUADRO DELLE ENTRATE DERIVATE
TRASFERITE AI COMUNI SICILIANI
TRA IL 2011 E IL 2014

Anci Sicilia Tab 4La flessione dei trasferimenti derivati nel periodo 2011/2014 ̬ pari al Р59%

 

FONTI

  • Corte dei Conti – Sezione di controllo per la Regione Siciliana;
  • Banca d’Italia, banca dati SIOPE;
  • Regione Siciliana, Assessorato delle Autonomie locali e della Funzione pubblica;
  • IFEL (Istituto per la Finanza e l’Economia Locale), si veda in particolare lo studio “I conti dei Comuni” del 14 novembre 2013.

 

ANCI Sicilia – I numeri di una crisi strutturale del sistema delle Autonomie Locali ultima modifica: 2015-07-23T11:20:02+02:00 da CanaleSicilia