Home Cronaca Amministrazione brolese, in 11 accusati di diffamazione

Amministrazione brolese, in 11 accusati di diffamazione

4,003

11 avvisi di conclusione indagini per l’ipotesi del reato di diffamazione ai danni di Nino Ricciardello, presidente del Consiglio Comunale di Brolo tra il 1997 e il 2007.

Nino Ricciardello - Querela Consiglio Comunale

di Maria Cristina Miragliotta – Destinatari i consiglieri di maggioranza Vincenzo Princiotta, Amedeo Arasi, Valeria Campo, Marica Ricciardo, Marisa Bonina e Salvatore Gentile, il presidente del Consiglio, Giuseppe Miraglia, l’assessore e consigliere Marisa Briguglio, il vice sindaco Gaetano Scaffidi Lallaro e la funzionaria comunale Grazia Curas√¨.

I fatti contestati dal Ricciardello si riferiscono alla seduta consiliare del 26 settembre 2016 durante la quale il Consiglio Comunale di Brolo ha adottato la deliberazione avente ad oggetto “Approvazione Rendiconto della Gestione Anno 2013”.

Durante la discussione avvenuta in aula, il vice sindaco Scaffidi Lallaro illustrando la proposta, parlando della rinegoziazione dei mutui avvenuta durante l’amministrazione Laccoto e in cui Nino Ricciardello ricopriva la carica di Presidente del Consiglio Comunale, l’ha definita come “una falsa rinegoziazione di mutui contratti con la cassa DD.PP.”, “operazione che ha creato un danno ingente alle casse comunali”.

Affermazione che l’ing. Nino Ricciardello ha ritenuto lesiva dell'”onore e del decoro personale” e per la quale √® scattata l’accusa di diffamazione per l’assessore Scaffidi Lallaro quale proponente della deliberazione, per la funzionaria Curas√¨ in quanto responsabile dell’istruttoria, mentre i consiglieri comunali risultano indagati per aver votato la proposta.

[ Leggi la nota del vice sindaco Gaetano Scaffidi Lallaro ]

Amministrazione brolese, in 11 accusati di diffamazione Ultima modifica: 2017-05-09T08:47:32+02:00 da CanaleSicilia